Cronache

Lotteria benefica al «sapore di sale»

Lotteria benefica al «sapore di sale»

Il sale dà sapore anche alla solidarietà. Almeno per una sera. Quella organizzata al Carillon di Paraggi da Claudia Mattioli e dal presidente dell'Area marina protetta di Portofino Augusto Sartori a favore della Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica.
La serata di gala intitolata «Sapore di sale» si terrà domenica 19 ed è stata presentata ieri mattina in provincia dall'assessore Giulio Torti e dal responsabile del gruppo di sostegno genovese alla Fondazione Mauro Mazzei, che è un luminare in materia. Un appuntamento che quest'anno è arrivato alla quinta edizione. Ospite e testimonial nella splendida cornice della baia a due passi da Santa Margherita Ligure e Portofino, sarà il figlio di Marta Marzotto, l'imprenditore Matteo Marzotto. Conduttore della serata e soprattutto della simpatica lotteria e asta benefica sarà, come gli anni scorsi, il bravo conduttore televisivo e giornalista genovese Roberto Rasia Dal Polo. Alle 21 aperitivo, alle 21,30 cena di gala, alle 23 lotteria benefica e poi musica per tutti. Costo 110 euro a cranio. I posti disponibili sono pochi. Per prevendite rivolgersi al Carillon a Paraggi, alla Fingermol di Santa Margherita Ligure, alla Bradipo travel design di Genova e per informazioni telefonare al numero 3386645609. I premi di maggiore valore saranno messi all'asta e i restanti, invece, nella lotteria. In asta ci saranno un abito su misura firmato Brooks Brothers, un abito Missoni, una giornata in Aston Martin V8 Vantage, una giornata in barca modello Cris Craft, un corso gold di guida sicura, maglioni di cachemire Andrea Fenzi. Ci saranno anche le maglie dei giocatori di calcio di Genoa e Sampdoria autografati dagli sportivi, gioielli e altri capi d'abbigliamento.
L'assessore Torti ha suggerito anche di coinvolgere la neonata associazione rossoblucerchiati per la solidarietà che raccogliere gli ex calciatori di Genoa e Samp: «Si potrebbe organizzare una partita benefica, magari in occasione della settimana nazionale della fibrosi cistica, nel mese di ottobre per raccogliere fondi e divulgare rischi e rimedi di questa malattia che colpisce i bambini, ma per cui tanto la ricerca è già riuscita a fare».
Il professore Mauro Mattei, del Discifar dell'Università di Genova, praticamente, insieme ai colleghi del Gaslini, unico italiano a fare ricerca su molecole pontezialmente attive contro la malattia, ha confermato: «Siamo passati da un'aspettativa di vita di 5 cinque ad una media di oltre 35, e solo perché purtroppo ci sono ancori decessi prematuri, all'età di 8/10 anni, ma ormai sappiamo molto sulla malattia e sull'amminoacido, responsabile della fibrosi cistica. Il gene Cftr difettoso che produce una proteina difettosa, per la mutazione della sequenza del Dna. Oggi conosciamo più di 1500 mutazioni del gene Cftr».
Nelle scorse edizioni di «Sapore di sale» sono stati raccolti fondi a sostegno dell'Unicef finalizzata al progetto delle vaccinazioni contro le sei malattie killer per i bambini dello Tzunami e al progetto Unicef-Fondazione Nelson Mandela Scuole per l'Africa per l'Angola, dell'Associazione Vida in Brasile, finalizzati alla costruzione del centro medico di prima assistenza e al progetto di costruzione delle cisterne per l'acqua per la comunità di Pititinga.

Commenti