Messico: una donna a capo del cartello di Tijuana

Si chiama Enedina Arellano Fèlix e ha studiato contabilità all'università. Coniuga efficienza e spietatezza

e' una donna il nuovo capo del cartello di Tijuana, uno die più violenti gruppi di narcos che infestano il Messico. Si chiama Enedina Arellano Fèlix ed è la sorella degli organizzatori del potentissimo cartello. E' arrivata a comandare la spietata organizzazione per un motivo molto concreto: tutti i suoi fratelli sono stai uccisi o arrestati. in realtà, secondo gli analisti, la signora condividerebbe la leadership con Manuel Aguirre Galindo, uno degli uomini più ricercati in Messico e negli Stati Uniti. La Fèlix ha studiato contabilità all'università e sarebbe la responsabile delle finanze del clan, coniugando competenza tecnica e spietatezza. Il Cartello di Tijuana controlla il traffico di droga in tutta la costa ovest degli Stati Uniti e da due anni è in guerra con il Cartello di Sinaloa per il controllo del ricco mercato americano. Lo scontro ha già provocato oltre 2 mila morti. E si inserisce nell'avanzata senza freni delle gang criminali che hanno trasformato il Messico in un gigantesco campo di battaglia e in uno degli stati più insicuri al mondo. Il Governo ha varato un'offensiva e i morti, da una parte e dall'altra, non si contano più. I narcos non hanno esitato ad assaltare stazioni di polizia e a decapitare gli sventurati agenti trovati sul posto.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.