Messina, cinque operai cadono in una cisterna: tre morti

Tre morti nel gravissimo incidente che si è verificato nel pomeriggio al porto di Messina. Gli operai sarebbero rimasti intossicati dalle esalazioni di gas provenienti dalla cisterna, mentre erano impegnati in lavori di saldatura

Messina, cinque operai cadono in una cisterna: tre morti

Gravissimo incidente al porto di Messina, dove tre operai sono morti a causa delle esalazioni mentre stavano pulendo una cisterna. Sette, in tutto, le persone coinvolte nei lavori di manutenzione della cisterna della nave "Sansovino" della Siremar, attraccata al molo Norimberga.

Secondo una prima ricostruzione gli operai sarebbero rimasti intossicati dalle esalazioni di gas provenienti dalla cisterna, mentre erano impegnati in lavori di saldatura. Altri quattro operai risultano intossicati, trasportati negli ospedali cittadini; uno di loro è grave in rianimazione. Sull’incidente sono in corso accertamenti da parte della Guardia costiera. L'esatta dinamica dell'infortunio mortale non è ancora chiara. Sembra che i cinque operai siano rimasti intossicati durante i lavori di manutenzione. Uno dei marinai è morto subito, mentre gli altri due sono
stati ricoverati in ospedale gravissime condizioni. Tra questi anche l'ufficiale di coperta da cui dipendeva la squadra dell'equipaggio coinvolta nell'infortunio.

I lavoratori stavano eseguendo una saldatura dentro la cisterna. All'improvviso, forse per una scintilla, si sono sprigionati dei fumi tossici e gli operai sono svenuti per le esalazioni. La procura di Messina ha aperto una inchiesta.

Commenti