Meteo e clima

Nube del Sahara sull'Italia, ecco perché il cielo diventerà giallo e rosso

Tutta l'Europa sarà investita dal pulviscolo in viaggio dal deserto del Sahara: nel nostro Paese si vedranno gli effetti a partire da domenica

Nube del Sahara sull'Italia, ecco perché il cielo diventerà giallo e rosso

Ascolta ora: "Nube del Sahara sull'Italia, ecco perché il cielo diventerà giallo e rosso"

Nube del Sahara sull'Italia, ecco perché il cielo diventerà giallo e rosso

00:00 / 00:00
100 %

Una vasta e densa nube di sabbia del Sahara, trasportata da forti venti, raggiungerà il Vecchio Continente e il nostro Paese a partire dalle prossime ventiquattro ore, andando a investire buona parte dell'Europa centro-occidentale.

Il fenomeno atmosferico, di cui si sono potuti apprezzare gli effetti anche durante il fine settimana di Pasqua, darà luogo a cieli di colore giallognolo, per effetto del "filtro" alla luce del sole prodotto proprio dal pulviscolo proveniente dal deserto. Si tratta di una situazione che accade spesso ogni anno, quando si formano delle tempeste in grado di sollevare milioni di tonnellate di finissime polveri dal Sahara e trasportarle a migliaia di chilometri di distanza, fino a che non si depositano in zone estremamente distanti dal luogo di origine.

Le condizioni meteo rilevabili nelle prossime ore sono perfette per favorire questo fenomeno: la configurazione barica, con la contrapposizione di un forte ciclone sito all'altezza delle Isole Britanniche e il promontorio anticiclonico africano che stanzia sul Mediterraneo, agevolerà il richiamo di correnti proprio dall'area del deserto. "Questo immenso ingranaggio atmosferico favorirà il sopraggiungere di grossi quantitativi di pulviscolo desertico", ha raccontato l'esperto Mattia Gussoni all'Adnkronos, "che si andranno a concentrare in sospensione alle quote più elevate dell'atmosfera, pronte a raggiungere, dopo un lungo viaggio, anche il nostro Paese".

A partire dalla giornata di domenica 7 aprile, e con ancora maggiore intensità nei giorni a venire, il fenomeno inizierà a manifestarsi nel nostro Paese coi suoi effetti spettacolari: questo strato di pulviscolo del deserto tingerà i cieli dell'Italia rendendoli foschi e di colore giallognolo o addirittura rossastro nelle ore in cui i raggi del sole sono meno intensi, ovvero in prossimità dell'alba o del tramonto.

Tutta l'Europa centro-occidentale sarà investita dalla nube di pulviscolo proveniente dal Sahara, dalla Francia fino ad arrivare alla Spagna, alla Svizzera e a tutta la Germania, mentre nel nostro Paese il fenomeno risulterà più apprezzabile in particolar modo nelle regioni centrosettentrionali. Sarà comunque soprattutto la prossima settimana, ovvero quando si attende l'arrivo delle piogge, che la sabbia precipiterà, depositandosi ovunque sotto forma di fanghiglia e sporcando balconi, finestre e autovetture.

"Si tratta di un fenomeno naturale, perfino importante per gli assetti degli ecosistemi",

spiega con un post sui social la Società meteorologica italiana,"poiché la deposizione di polvere sahariana fertilizza il suolo con rilevanti apporti di fosforo, elemento chiave per lo sviluppo delle piante".

Commenti