Mick Schumacher: "Vettel come un padre"

Mick Schumacher si è confessato in una lunga intervista dove ha parlato della sua passione per le corse e del suo futuro; il giovane pilota ha rivelato che considera Vettel quasi un padre per l'aiuto che gli ha dato

Non è un mistero che Mick Schumacher voglia seguire le orme di suo padre e puntare dritto alla Formula 1. Proprio per questo, il tedesco ha scelto di entrare nel Ferrari Driver Academy, cioè nel vivaio di giovani talenti della Ferrari, in attesa di poter fare il grande salto. Il figlio dell'indimenticabile campione di Maranello ha parlato molto di lui e delle sue ambizioni all'interno di una lunga intervista concessa a Motorsport-Magazin.com.

Mick Schumacher ha avuto parole di grande apprezzamento per Sebastian Vettel che lo ha aiutato moltissimo ad integrarsi nel complesso mondo delle corse. Per il giovane tedesco, Vettel è stato fondamentale, tanto da considerarlo quasi una sorta di "padre". Un rapporto molto simile a quello avuto in passato tra Michael Schumacher e un giovane Vettel. Mick ha parlato poi dell'Italia e di come abbia quasi sempre guidato per scuderie italiane. Oggi, il giovane tedesco gareggia con la Prema in Formula 2. Per il pilota, la passione degli italiani per i motori è fantastica ed alla Ferrari questo aspetto lo si apprezza ancora di più.

Per Mick il sogno, ovviamente, è la Ferrari e non nasconde che passeggiare per Maranello o per Fiorano è qualcosa di speciale. L'auto dei sogni, però, non è una monoposto di Formula 1 anche se è sempre una Ferrari. Si tratta, infatti, della Ferrari 458 stradale che suo padre ha contribuito a sviluppare.

Ma per Mick Schumacher non esiste un "piano B". Il giovane pilota tedesco è sempre stato vicino ai motori e in questo mondo intende restare. La prima stagiona di Formula 2 non è certamente stata facile, con una sola vittoria, ma Mick sa benissimo che è necessario un percorso di apprendimento da fare ma anche che i momenti difficili possono rendere più forti se si riesce a trasformarli in risultati positivi.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.