«Abbandonare i rifiuti è reato» Palazzo Marino avverte la Lega

Portare rifiuti in piazza Scala. Nato come un annuncio provocatorio, sta diventando un caso: la Lega vuole davvero scaricare spazzatura davanti a Palazzo Marino? E, se lo facesse, in Comune sono davvero intenzionati a denunciare gli esponenti del Carroccio? Si vedrà oggi, in quello che si annuncia come un duello. Tutto nasce da un'iniziativa legata alla Milano sporca. I «lumbard», infatti, hanno organizzato sabato una operazione di pulizia delle aree più degradate della città, scoprendo in certi casi situazioni molto critiche, potenzialmente anche pericolose, e non solo per l'estetica urbana: vere e proprie discariche. Presentando questa grande pulizia, i leghisti hanno anticipato che avrebbero portato davanti a Palazzo Marino una certa quantità di questo materiale raccolto, fissando per le 17 di oggi l'appuntamento in piazza con il segretario del partito, Matteo Salvini, milanese e aspirante sindaco.
L'Amministrazione comunale non l'ha presa affatto bene. E in relazione alla «annunciata manifestazione della Lega che prevederebbe il deposito di rifiuti in Piazza della Scala», ricorda che «l'abbandono, il trasporto e il deposito di rifiuti è un illecito di carattere amministrativo o penale, con conseguenze anche gravi per chi lo attua». «È grave - aggiunge Palazzo Marino - che la manifestazione si svolga proprio il giorno in cui giungono visitatori da tutto il mondo per l'inizio del Salone del mobile. Ci si chiede anche come può la Regione, il cui presidente risulta essere un autorevole esponente della Lega, pensare in questo modo di promuovere l'immagine della città di Milano e della Regione anche in vista di Expo?».

Commenti