Allarme baby gang a Milano: fermati 8 minori tra 12 e 17 anni

Sgominata la gang Z4 di Milano: era composta da minorenni che prendevano di mira i passanti nei parchi e nei luoghi di aggregazione per derubarli

Allarme baby gang a Milano: fermati 8 minori tra 12 e 17 anni

Le baby gang a Milano diventano sempre più un problema per la sicurezza della città. La forza del branco le spinge ad azioni violente, che prendono di mira indiscriminatamente le loro vittime. Polizia e forze dell'ordine lavorano quotidianamente per la repressione del crimine e proprio in quest'ambito si inserisce l'operazione che ha portato allo smantellamento della gang Z4, attiva principalmente nei quartieri periferici di Corvetto e Calvairate.

I carabinieri del Comando provinciale di Milano, a seguito di una lunga e articolata indagine durata mesi, hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale per minorenni nei confronti di 8 giovanissimi gravemente indiziati, a vario titolo e in concorso tra loro, dei reati di rapina e lesioni personali aggravate in concorso. L'indagine, coordinata dalla procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Milano, guidata dal sostituto procuratore Sabrina Ditaranto, ha portato al fermo dei membri della gang, che hanno un'età compresa tra i 12 e i 17 anni.

Le indagini sono state condotte sul campo dai carabinieri della compagnia Milano porta Monforte, che nel corso degli ultimi mesi hanno accertato che i minori, avvalendosi della forza intimidatoria del gruppo, hanno commesso, in più circostanze, violente aggressioni e 14 rapine, alcune tentate, a danno dei passanti. Le loro azioni si svolgevano all'interno di parchi, sui mezzi di trasporto pubblico, nei pressi delle fermate o nei principali luoghi di aggregazione giovanile. Le vittime venivano avvicinate con i pretesti più banali per sottrarre loro smartphone e altri oggetti di valore.

La situazione a Milano è sempre più grave, tanto che la Regione Lombardia ha approvato una mozione presentata da Forza Italia con la quale si chiede alle amministrazioni locali maggiore attenzione e forza dispiegata sul campo per la repressione del fenomeno delle baby gang. Nella mozione, oltre ai temi di stretta sicurezza, è stata inserita anche la proposta di istituire, presso un ospedale milanese, uno sportello e, presso la Questura, un numero verde, entrambi dedicati alle vittime.

"La Lombardia deve essere orgogliosa di essere stata la prima Regione a varare una legge contro il bullismo. Ora, però siamo di fronte a un'emergenza. E nostro compito non lasciare soli i giovani e le loro famiglie, che hanno il diritto di poter uscire e divertirsi in sicurezza", ha spiegato Fabio Altitonante, consigliere e primo firmatario della mozione.

Commenti