Battaglie storiche e divise A Novegro torna Militalia

Presente l'Esercito con due carri armati Sherman Simulazioni all'aperto per gli appassionati di soft-air

Maria Sorbi

Ci saranno armi, fucili d'epoca, elmetti, caschetti militari e divise da ufficiali. Torna Militalia, giunta alla sua 60esima edizione. Al Parco esposizioni di Novegro comincia oggi la fiera del collezionismo che richiama l'attenzione di centinaia appassionati del settore, compresi gli amanti delle ricostruzioni delle battaglie storiche, con tanto di schieramenti e ambientazioni.

La qualità e la quantità dei pezzi esposti, il rigore e la profondità delle tematiche affrontate, lo spessore dei contributi collezionistici e associativi, hanno conquistato l'attenzione anche dello Stato Maggiore Esercito che sarà presente con le proprie linee editoriali e una rappresentanza di uomini e apparati.

In particolare verrà installato dallo un tendone pneumatico militare nel quale troverà posto un infopoint per i reclutamenti assieme all'esposizione di gadget e merchandising delle Forze Armate. A fianco, un veicolo tattico versione Pca, posto di comando avanzato, del primo reggimento Trasmissioni di stanza a Milano.

Ma non è questa la sola attrazione di Novegro, alla cui colonna sonora concorreranno le note della Fanfara dei Bersaglieri della sezione Luciano Manara di Milano. Nel grande padiglione centrale della fiera è allestita una carrellata di uniformi delle Forze Armate Italiane dal 1945 ad oggi: un percorso della memoria in cui si ritroveranno anche tutti coloro che hanno svolto il servizio di leva. All'aperto romberanno i motori di una serie di veicoli militari fra i quali due esemplari perfettamente funzionanti di carri armati Sherman.

Saranno allestiti set di rievocazioni storiche per rivivere attività guerresche del periodo medievale, come quelle rappresentate da Armeria Ducale e Uomini della Condotta attraverso elementi didattici ed esposizioni dell'armeria milanese e dell'artigianato militare del XV e XVI secolo. Di notevole rilievo la riproduzione di un organo da fuoco campale inventato da Leonardo da Vinci. E poi, ancora lezioni di prova di scherma storica sportiva con tanto di galà schermistico a cui parteciperanno atleti in costume di varie associazioni specializzate in questa disciplina.

Inoltre, nell'apposito spazio conventuale si alterneranno conferenze e presentazioni di libri di argomento storico-militare. Fra le prime, in omaggio al centenario della Grande Guerra, l'incontro dal titolo «La nascita dei reparti d'assalto tra il 1917 e il 1918». Per le seconde, l'anteprima dell'opera «Manualistica militare italiana 1911-1943» e per la storia più recente «Cronaca della guerra del Vietnam 1961-1975» di Alessandro Giorgi. Nelle prossime edizioni con tutta probabilità verrò realizzata anche un'area dedicata alle armi e all'arte militare giapponese, il bushido.

A Novegro anche un ampio settore di soft-air, una pratica sportiva-militare articolata in varie performance dinamiche sia in padiglione che all'aperto con l'allestimento di particolari percorsi tattici. E infine un padiglione dedicato alle lame e alle armi bianche. Ingresso, dalle 10 alle 18, a 10 euro.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento