Con la «capsula» da Cadorna a Malpensa in soli 10 minuti

Firmato ieri da Trenord un accordo con Hyperloop per il progetto di un treno in galleria a 600 km/h

Milano - Cadorna-aeroporto di Malpensa in 10 minuti, anziché i 43 di oggi. Con un treno «a capsule» sparato in un tubo alla velocità di un aereo. Una fantasia che potrà (forse) diventare reltà, in un futuro ancora imprecisabile: ma il primo passo di questa novità così prossima al sogno è stato compiuto ieri con la firma dell'accordo tra Hyperloop Italia e Ferrovie Nord Milano (controllata dalla Regione Lombardia) per uno studio di ingegneria e di fattibilità su tempi e costi della durata di sei mesi: entro l'autunno dunque, si saprà se si potrà procedere su questa strada così sorprendente. La Lombardia in quest'avventura è prima in Italia e, come sottolinea il presidente di Fnm Andrea Gibelli, dimostra la sua sensibilità per la ricerca di nuove forme di mobilità, sostenibili e a impatto zero, esplorando «una infrastruttura intelligente che raggruppa tutti i progressi scientifici della tecnologia», come l'ha definita il fondatore e ad di Hyperloop Italia, Bibop Gresta. Nel 2016 avevano annunciato la propria collaborazione al progetto anche le Ferrovie dello Stato.

Hyperloop (questo il nome del nuovo mezzo) non sarà più un treno, ma una successione di singole «capsule» da 40-50 posti al massimo, per 32 metri di lunghezza: i primi prototipi sono in sperimentazione a Tolosa. Questi moduli viaggeranno in un tunnel, a pochi minuti l'uno dall'altro e ciascuno sarà preceduto da un grande ventilatore, al quale sarà affidato il compito di creare il vuoto: così che la capsula, procedendo sottovuoto, su un cuscino d'aria, non sarà rallentata dall'attrito e potrà essere molto più veloce. Si parla di 600-800 chilometri all'ora, ma gli ideatori, alla società-madre statunitense pensano di poter raggiungere i 1.200 all'ora. Il viaggio sarà confortevole è la promessa - anche se quelle che finora chiamiamo carrozze non avranno finestrini e saranno quindi sconsigliabili a chi soffre di claustrofobia; ci si potrà muovere e anche andare in bagno; l'accelerazione e la decelerazione saranno controllate, per non creare disagi. La propulsione sarà a levitazione magnetica (già utilizzata in Cina, Giappone e altrove, ma non sottovuoto) per sfruttare la forza di attrazione e di repulsione delle calamite. Anche 600 chilometri all'ora è una bella velocità se un aereo al decollo stacca dalla pista a 400.

Le capsule, come proiettili, saranno lanciate in un tubo sopraelevato su una struttura di cemento o interrato come una metropolitana: una piccola galleria sottovuoto di 4 metri quadrati di sezione. Nessuno si nasconde che in un territorio denso e complicato come la Lombardia le difficoltà non saranno lievi. Ma, a favore del progetto, viene sottolineato che la struttura ospiterà la produzione di energia solare e geotermica superiore del 3% a quella consumata. Per quanto sembri fantascienza, tutto è a portata di mano: i primi prototipi nel mondo dovrebbero viaggiare nel 2025 e già si lavora a tratte dimostrative: una ad Abu Dhabi. Nel 2050 il sistema potrebbe essere realtà: non più alta velocità, ma altissima.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Palumbo

Ven, 21/02/2020 - 09:08

Che meraviglia, per andare con il treno superveloce da Ragusa a Siracusa (circa 90 Km.) occorrono solo 7 ore.

paco51

Ven, 21/02/2020 - 09:14

rebus sic stantibus, lascia perdere è meglio una vaporiera, è più sicura! se poi lo vuoi prendere lo steso, problemi tuoi

maxxena

Ven, 21/02/2020 - 09:39

l'importante è che con l'aumentare delle prestazioni aumenti di pari passo il controllo di qualità dei componenti, per non ritrovarci in tragedie come quella del Frecciarossa.

Korgek

Ven, 21/02/2020 - 09:57

Su un sito di informazione ferroviaria ho letto della possibilità di un prossimo collegamento diretto (e sottolineo diretto) tra Londra e Milano, approvato dal parlamento britannico e a cura della società Eurostar. Magari se riusciste a cogliere qualche info in più sarebbe interessantissima come notizia, tra l'altro alla faccia di alcuni che "la Brexit avrebbe isolato il Regno Unito".

tiromancino

Ven, 21/02/2020 - 13:17

Ma gli aerei ci saranno ancora?

Gibulca

Ven, 21/02/2020 - 16:17

Veramente gli aerei al decollo staccano a circa 290 km/h. Alcuni anche a meno. Altro appunto: oggi tra Cadorna e Malpensa occorrono poco più di 30 minuti. Non 43. Pasticcioni

Santorredisantarosa

Sab, 22/02/2020 - 12:48

MIA MADRE CANTAVA UNA CANZONE MOLTO VECCHIA CHE DICEVA ILLUSIONE DOLCE CHIMERA SEI TU