Fontana: "Sono stati fatti passi avanti, ma il decreto va rivisto"

Il presidente della Regione Lombardia precisa: "Il documento ha bisogno di alcuni chiarimenti e di alcuni approfondimenti. Ci sono temi ancora irrisolti"

Il decreto che detta le misure da attuare contro il coronavirus "sicuramente dovrà essere riesaminato e riguardato". A dirlo è il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che ha precisato: "Ci sono alcune cose che vanno corrette. Il documento ha bisogno di alcuni chiarimenti e di alcuni approfondimenti". Prosegue in questo senso "il dialogo con il governo", nel tentativo di "cercare di migliorare ulteriormente il documento".

Secondo il governatore, serve chiarire alcuni punti del decreto e precisarne alcuni che non sono menzionati: "Oggi riprenderemo i rapporti con il governo e gli stakeholder per cercare di dare risposte più chiare e precise", ha annunciato Fontana. "Si poteva fare di più", afferma il presidente lombardo, precisando come "dopo una attenta valutazione del testo del Dpcm, anche con i sindaci dei capoluoghi e con Anci" ci si è resi conto della presenza di "alcuni temi ancora irrisolti, a partire dalla sicurezza dei lavoratori impegnati nelle filiere produttive lasciate operative dal decreto". E aggiunge: "Ci sono degli ambiti che non sono stati presi in considerazione rispetto alle richieste che avevamo mandato a Roma".

In ogni caso, con l'approvazione del decreto del governo "si sono fatti passi avanti", con l'obiettivo di tutelare la "salute dei cittadini e la salvaguardia di tutti quei lavoratori che devono necessariamente lavorare perché fanno parte di filiere che sono imprescindibili per la vita quotidiana della nostra regione".

Anche per quanto riguarda il trasporto pubblico, ci sarà oggi pomeriggio "una valutazione di quelle che potrebbero essere le linee guida da trasmettere alle singole agenzie di trasporto, dando loro una certa flessibilità a seconda delle esigenze territoriali". È esclusa la chiusura: "Se vogliamo mantenere aperte certe attività non possiamo chiudere il trasporto pubblico. Lo dobbiamo rimodulare, su questo sono d'accordo tutti i sindaci".

Infine, Attilio Fontana ha spiegato l'evoluzione dell'epidemia da coronavirus, che continua ancora oggi: "Dobbiamo tenere strette le maglie dei contagi e fare in modo che i cittadini si attengano rigorosamente alle normative".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 12/03/2020 - 15:47

Governatore Attilio Fontana, data 25 febbraio 2020: «il coronavirus? Poco più di una normale influenza». Abbia la decenza di tacere!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 12/03/2020 - 16:20

@ConteRaffaelloM... - alla stessa data il governo di sinistra non si è mosso. Quindi?

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 12/03/2020 - 16:29

@LEONIDA gentile Leonida55 le ricordo che l'italia fu il primo paese nel mondo a chiudere tutti i voli con la Cina il 31 GENNAIO, verifichi pure la notizia. Ancora un mese dopo Fontana e Salvini negavano l'emergenza. Parliamo di fatti facilmente verificabili.

Junger

Gio, 12/03/2020 - 16:40

il decreto del governo è scandaloso e irresponsabile. Non isola i focolai epidemici del basso lodigiano e della bergamasca (oltre 2500 casi) e mette in ginocchio economicamente intere provincie dove praticamente non ci sono casi Complimenti ai politici che hanno diffuso il panico e la psicosi invece di intervenire chirurgicamente sui focolai di infezione

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 12/03/2020 - 16:49

Non so a Milano, ma qui a Genova il problema del trasporto pubblico, in particolar modo nelle ore di punta, è molto grave. Il rischio di contagio è alto, sugli autobus è impossibile tenere le distanze dovute. Ma fatta questa amara constatazione non saprei che soluzione proporre, se non tutti a casa. Si bloccherebbe tutto, anche le cose essenziali come ospedali, generi alimentari, farmacie, banche e a seguire luce, gas e acqua. Impossibile.

Ritratto di Gaidem

Gaidem

Gio, 12/03/2020 - 17:01

Mammamia, quest'uomo è incontentabile! Ma si rende conto che "Giuseppi" ha già emanato tre decreti in quattro giorni?! Col primo, ci sono state la grande fuga al Sud e le rivolte nelle carceri; col secondo, l'assalto ai supermercati notturni; col terzo, quello ai distributori di sigarette. Non vorrei che al quarto decreto, per inseguire una tutela al di là del possibile della salute dei lavoratori delle fabbriche - il che significa anche di quelle alimentari - la conseguenza sarà la inevitabile chiusura della maggior parte di esse, ed il ricorso alla tessera annonaria, per distribuire i generi di prima necessità prodotti da quelle poche che passeranno l'esame dell'inflessibile governatore Fontana.

graffio2018

Gio, 12/03/2020 - 17:09

conteRaffaello, se parliamo di fatti facilmente verificabili, Salvini è stato il primo a chiedere di chiudere tutto ed è stato subito accusato di razzismo, con Zingaretti che correva a mangiare nei ristoranti cinesi e ad abbracciare i cinesi per "fermare la apura e il fascismo".. quindi di cosa stai parlando???????

snips

Gio, 12/03/2020 - 17:14

@ConteRaffaelloM...Ma durante la Rivoluzione Francese il governo di sinistra cosa faceva? C'erano già Fontana e Salvini...viswto che lei li segue molto (Anmche se confronta date diverse (25 Febbraio con 31 Gennaio)potrebbe dirmi anche del 5 maggio 1789?

jaguar

Gio, 12/03/2020 - 17:20

ConteRaffaelloM, l'Italia aveva chiuso solo ai voli da e per la Cina, tutti gli altri no. Ci hanno fregato i voli che dalla Cina facevano scalo da altre parti prima di atterrare in Italia.

tatoscky

Gio, 12/03/2020 - 17:23

Conte RaffaelloM… Zingaretti cosa diceva e faceva? Facilmente verificabile.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 12/03/2020 - 18:08

@graffio2018 gentile Graffio mi spiace ma quello che dice lei non mi risulta, Salvini in data 28 FEBBRAIO, quindi un mese dopo la chiusura dei voli, si recava in Trentino dove faceva uno spot per la promozione dei prodotti tipici locali e del turismo. Ancora a quella data Fontana diceva che il coronavirus era come una banale influenza. Ha iniziato come dice lei "a chiedere la chisura di tutto" solamente dopo che lo staff di Fontana fu contagiato. La prego di verificare quanto dico. Cordiali saluti.

bernardo47

Gio, 12/03/2020 - 18:22

fontana, sente che scivola come salvini e cerca di agguantarsi in qualche modo...

rigampi1951

Gio, 12/03/2020 - 19:20

Fontana doveva chiedere tassativamente di chiudere le aziende, invece ha delegato a Confindustria per scrollarsi la responsabilità Ovviamente Conte ascolta Confindustria e lascia aperte le aziende Grandissimo errore che ora non riesce piu a tamponare