In prima linea nella lotta ai truffatori

La campagna «Non siete soli #chiamatecisempre» evita raggiri ai nonni

Il questore Antonio De Iesu in questi mesi si è recato in molti centri anziani della città per una battaglia che ritiene quasi personale, contro chi raggira e truffa gli anziani.

De Iesu ha dato un consiglio di base ai nonnini: «Diffidate di qualsiasi sconosciuto che si metta in contatto con voi per chiedere denaro o che pretenda, senza averne diritto, di entrare in casa. La richiesta di denaro e valori vi deve far capire che siete in balia di un truffatore. Quindi: diffidate, diffidate, diffidate. E allertate subito un parente o il 112».

Per questo la questura di Milano ha accolto con calore la campagna del Dipartimento di pubblica sicurezza Non siete soli #chiamatecisempre, che si accompagna in maniera del tutto naturale e spontanea a un altro concetto, sempre rivolto agli anziani: «La vostra denuncia può evitare altre truffe».

Importanti messaggi che la polizia di stato ribadisce, ormai da tempo, in tema di truffe agli anziani grazie anche alla collaborazione del conduttore televisivo Gianni Ippoliti.

Attraverso il secondo video tutorial della campagna di sensibilizzazione Non siete soli, #chiamatecisempre, pubblicato ieri mattina sulla pagina Facebook della polizia di stato, l´istituzione lancia degli input chiari e semplici ai cittadini: oltre ad avere prudenza quando si è avvicinati dagli estranei, e a chiamare la polizia in caso di dubbio, è importante denunciare i tentativi di truffa o, nella peggiore delle ipotesi, una truffa subita.

Parlarne e denunciarne l´accaduto può infatti evitare che l´episodio si ripeta e che siano altri ad esserne vittime.

Grazie all´impegno quotidiano della polizia - che si concretizza in iniziative di sensibilizzazione e informazione, come quelle intraprese da De Iesu a Milano, soprattutto dei cittadini over 65, è stato possibile far emergere il fenomeno delle truffe e disarticolare i gruppi criminali che truffano e raggirano i nonnini. Va infatti letto anche in quest´ottica l´innalzamento del 19% percento dei casi registrati nei primi otto mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Sono infatti sempre più gli anziani che, seguendo il consiglio della polizia, «non si sentono soli e chiamano sempre».

RC

Commenti