Mappe e spot per i maestri artigiani

La Zona: "Il Giappone li tratta come un tesoro umano vivente"

Mappe e spot per i maestri artigiani

Per approvare un ordine del giorno che chiede al Comune iniziative e agevolazioni a favore dei maestri artigiani il Municipio 1 parte da lontano. Ricorda che «fin dal Medioevo gli artigiani milanesi sono stati chiamati in tutta Europa per realizzare importanti manufatti». E guarda lontano. «Alcuni Paesi come il Giappone, così come l'Unesco - sottolinea - considerano i maestri artigiani tesoro umano vivente», persone che «possiedono in misura elevata le conoscenze e le abilità necessarie per produrre o ricreare elementi del patrimonio materiale e immateriale di una civiltà che va preservato». Partendo da queste premesse, non sorprende che il documento sia stato approvato all'unanimità dal Parlamentino. Le figure dei maestri artigiani «sono sempre più rare, considerata la scarsa promozione tra i giovani che non hanno la possibilità di prendere in considerazione quindi un percorso professionale di questo tipo. A livello internazionale viene rivolta invece una speciale attenzione a questa tematica anche attraverso grandi eventi di fama mondiale, mostre e riconoscimenti». Nel Municipio 1 sono attive una trentina di botteghe di alto artigianato. Il Municipio dunque impegna la giunta comunale a promuovere queste realtà attraverso mappe cartacee e interattive, a lanciare progetti di marketing territoriale che promuovano l'opera dei maestri artigiani con un brand e arrivino a creare dei percorsi in città, come un «museo diffuso». Ancora: iniziative di orientamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado per sensibilizzare i ragazzi sulle possibilità lavorative in questo campo, verificare possibili collaborazioni con i bookshop dei musei perchè offrano «vetrine privilegiate» ed esposizioni gratuite di prodotti, attivazione di una pagina web ad hoc sul sito del Comune e di una campagna di comunicazione in collaborazione con Yes Milano o altri media analoghi, proposte di semplificazioni amministrative per iniziative che prevedono piccole occupazioni di suolo pubblico davanti alle botteghe artigiane.

La Triennale di Milano ha già dedicato uno spazio al tema attraverso «Mestieri d'arte. Crafts culture», una serie di mostre ed eventi che hanno dato visibilità a una serie di maestri. La Zona chiede di dare lo stesso input ai musei civici.

Commenti