Milano

Milano, volantino di minacce antifasciste contro la sede della Lega

La denuncia dello storico esponente Alessandro Morelli: "Con la Lega sempre più forte non ci sarà più spazio per questi violenti"

Milano, volantino di minacce antifasciste contro la sede della Lega

Le elezioni sono ormai alle spalle ma il clima di tensione politica non accenna a diminuire in tutta Italia. A dimostrarlo è la vicenda andata in scena ieri a Milano, dove alcuni volantini minatori sono stati ritrovati davanti alla sede della Lega Nord di via Brioschi.

La denuncia è arrivato dallo storico militante meneghino del Carroccio Alessandro Morelli, che su Facebook spiega come ieri sera, al termine di un incontro pubblico, davanti all'ingresso della sede leghista siano stati rinvenuti diversi volantini con un messaggio inequivocabile: "Distruggere i fascisti e i (loro) padroni in ogni quartiere!".

Sullo sfondo, l'immagine di un manifestante che a volto coperto ha tutta l'aria di scagliare qualcosa con una fionda nel bel mezzo di una dimostrazione tutt'altro che pacifica. In calce però non vi sono sigle né compare alcun tipo di rivendicazione.

"A questi balordi - risponde Morelli - rispondiamo con il sorriso che si dedica alle persone in difficoltà. Sono in difficoltà - ha proseguito - perché con la Lega sempre più forte non ci sarà spazio per i violenti. Sono in difficoltà perché sono alla continua ricerca di fascisti, adepti di una ideologia estinta nel secolo scorso. Sono in difficoltà perché loro per primi sono trogloditi politici che non si rendono conto di essersi estinti anch'essi alla fine del secolo scorso".

Commenti