Nuove moschee: il regalo di fine anno di Pisapia ai milanesi

Parte il bando per tre aree del Comune: in gara 14 sigle islamiche

Il portavoce del Caim, il coordinamento delle associazioni islamiche che ha tra i soci il contestato centro di viale Jenner, ieri si è sfogato su Facebook. «Con la proposta di legge sostenuta in Consiglio Regionale da Lega, Forza Italia, Fdi e Ncd si cerca di porre condizioni che renderebbe di fatto impossibile la realizzazione di moschee». Davide Piccardo riporta il caso di Sesto, dove è già aperto il cantiere per una moschea con ristorante e minareto, ma se passasse il maxi-emendamento che pone tra i vincoli la procedura di Valutazione ambientale strategica (con le osservazioni dei cittadini), obbligo di parcheggio, parere delle forze dell'ordine e molto altro, questo e i progetti a venire avrebbero il semaforo rosso. «L'avvocatura della Regione ha già fatto notare come la maggior parte dei contenuti siano incostituzionali» sfida Piccardo. Che parla di Segrate ma è concentrato su Milano. Oggi, regalo di fine anno, il Comune pubblicherà il bando per assegnare tre aree pubbliche a luoghi di culto. Si tratta degli ex bagni pubblici di via Esterle (zona via Padova), l'area dietro all'ex Palasharp e un terreno in via Marignano (zona San Donato). «É un bando per tutti i culti» ha reagito ieri a domanda sulle moschee il sindaco Giuliano Pisapia. Ma ci sarà scritto che due aree su tre potranno andare alla stessa religione, e se tanto mi dà tanto. Ieri è stato pubblicato l'elenco delle associazioni ammesse all'Albo dopo la riapertura dei termini. Solo i 52 iscritti possono partecipare alla gara: le sigle islamiche sono 14, dalle comunità moderate di via Padova e via Meda ai centri di viale Jenner, via Maderna e via Quaranta. Riammessa in extremis (grazie allo spostamento della scadenza) l'unica moschea già esistente, quella che è al confine tra Segrate e Milano, ma ricade sotto questa amministrazione. Tra i candidati alle aree, la chiesa evangelica è quella che conta più iscritti, 18 su 52. Nove le associazioni dei Testimoni di Geova, meno numerosi gli induisti, buddisti, cristiani coopti, ortodossi e cristiani luterani. «Mentre gli islamici "moderati" come l'imam Shwaima di Segrate ci raccontano che le donne possono essere picchiate per correggere i loro comportamenti non consoni - attacca illeghista Alessandro Morelli - Pisapia e la sinistra lanciano l'ennesima assurdità ai danni dei milanesi. A questo punto mi chiedo dove siano finite tutte le femministe che fanno parte della loro compagnia». Fabrizio De Pasquale (Fi) anticipa il ricorso con i residenti di via Padova: «Ci appelleremo anche alla mancanza di un piano parcheggi adeguato nella zona, una moschea creerebbe il caos».

 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 30/12/2014 - 18:33

Che se le facciano di cartone le moschee, e poi un bel cerino.

Mobius

Mar, 30/12/2014 - 22:45

Ma certo, è giusto impedire la costruzione di nuove moschee; a noi italiani, a cosa cavolo ci servono?

Garganella

Mer, 31/12/2014 - 04:05

Inconsciamente stiamo favorendo l'aver arsi della profezia di Oriana Fallaci!

Solist

Mer, 31/12/2014 - 08:53

quando li faremo entrare in politica e imporci le loro scellerate malattie mentali? ho l'impressione che li stiamo sottovalutando

Happy1937

Mer, 31/12/2014 - 08:53

Che Pisapia trasformi casa sua in Moschea senza rompere le scatole ai Milanesi.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 31/12/2014 - 10:01

"Milanesi, lo avete voluto? Tenetevelo!". L'ho detto prima io!!!

vince50

Mer, 31/12/2014 - 10:04

Non diamo le colpe ad altri se abbiamo deciso di perdere dignità onore(che parolone!!)e il rispetto di noi stessi,ne siamo i diretti responsabili.In primis colpe gravissime da parte dei soliti comunistazzi mentalmente contorti e stramaledettamente sporchi dentro,ma anche tutti gli altri pseudo destre comprese hanno le loro(e non poche)responsabilità.Popolo bizzarro e come se non bastasse intriso di comunismo a 360°.

Mindfree

Gio, 01/01/2015 - 10:56

Nella nostra nazione libera e democratica,la liberta' di culto e' sancita dalla costituzione.Se i musulmani,a spese loro,acquistano un'area messa a disposizione con bando comunale non vedo dove stia il problema.Le moschee poi,quando sono vere e non capannoni ri-adattati,sono anche autentiche e splendide opere d'arte che farebbero anche piu' bella ed internazionale Milano.Ogni grande metropoli europea,Roma compresa,ha una grande moschea sul proprio territorio perche' Milano NO??? Il futuro e' la globalizzazione...facciamocene una ragione...la clessidra della storia e l'orologio del futuro non si possono fermare.SI AD UNA GRANDE E BELLA MOSCHEA ISLAMICA A MILANO!!!

angelomaria

Sab, 24/01/2015 - 15:27

NO COMMENT O COMPREMETTEREI IL GIORNALE !!!!!

angelomaria

Sab, 24/01/2015 - 15:29

IN ISRAELE CONTINUANO GL'ATTENTATI E QUALCUNO ANCORA VORREBBE RICONOSCERLO COME STATO ? SI TERRORISTISI NAACE E SIMUORE LI'E NIENTE CAMBIERA!!!

angelomaria

Sab, 24/01/2015 - 15:30

PISAPIA PISAPIA CHE IL CALIFFATO LO PORTI VIA!!!

angelomaria

Sab, 24/01/2015 - 15:37

DI CUKTO SI NON D'INCITAMENTO AD UCCIDERE COME LA VARIE DI MILANO NAPOLI ROMA DEVO CONTINUARE CHE ELIMINO I CSTTIVI MAESTRI POI SI VEDRA'STO'RAZZISMO AL CONTRARIO INCOMINCIA A STUFARMI E CMR ME CREDO TANTI ALTRI IL PENTOLONE E'IN'EBOLLIZZIONE O LO SI FERMA PRIMA CHET RAVASI O SARANNO PROBLEMI ELORO AVRANNO INOSTRI MORTI SULLA COSCENZA VILI CODSRDI VIGLIACCHI DI PD E SEL IN PRIMIS POIALTRI CHEVANNO A SEGUIITO CONVINTI CHE A LORO NON SUCCEDERA MAI NINTE!!!!SE?????