Musica, cinema o teatro La «week» alle scuole civiche

Fondazione Milano lancia una settimana di lezioni incontri e workshop aperti alla città: in diretta social

Marta Calcagno Baldini

Discutere una tesi di composizione musicale online, connessa in video con la commissione: è possibile, in questi tempi di coronavirus, ed è successo per la prima volta nella prima settimana di marzo. La studentessa si trovava a casa sua, come anche i vari docenti. È stato possibile anche perché le Scuole Civiche di Milano, quali la Scuola di Musica Claudio Abbado, la Scuola Interpreti e Traduttori, la Scuola di Teatro Paolo Grassi, e la Scuola di Cinema, circa 3mila studenti iscritti a 61 corsi di laurea triennali e ai 26 magistrali divisi nei quattro istituiti, si sono fin da subito mosse per trasferire in remoto lezioni, esami e conferenze. Se la crisi a causa del virus è iniziata a fine febbraio, già il 6 marzo Fondazione Milano, il polo universitario civico che coordina tutte queste scuole, aveva previsto la sospensione dell'attività didattica diretta e il trasferimento di insegnamenti ed esami online. Un tempismo davvero inaspettato quanto milanese. Che già ora mostra i suoi frutti: per le Civiche ormai aule virtuali, video, conference call e podcast sono consuetudini, e c'è spazio anche per coinvolgere l'intera città nelle lezioni e le attività che le Scuole organizzano per i loro studenti. «Quello che stiamo attraversando è un passaggio articolato e complesso, una vera e propria sfida che ci mette alla prova - dice il presidente di Fondazione Milano, Stefano Mirti - Alle nostre Scuole Civiche, che hanno nel loro Dna una grande capacità di innovazione e resilienza, il compito di trasformare le difficoltà in una grande occasione di sperimentazione e sviluppo». E così si sono inventate persino la Settimana aperta partita ieri: giorni di open-day e appuntamenti rivoti anche al pubblico in modalità digitale. Comincia la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, con lo sportello orientamento online, che permette agli aspiranti studenti di dialogare con un docente e approfondire l'offerta didattica della Scuola. Il 21 aprile dalle 15 alle 16 si potrà incontrare online il prof. Diego Ronzio e giovedì dalle 15 alle 16 il prof. Pietro Sarubbi. Sempre giovedì alle ore 14.30 Marco D'Amore, classe 1981, sarà protagonista degli Incontri della Civica in diretta Facebook. Attore, autore, produttore, regista, impegnato tra teatro, cinema e televisione ma soprattutto, in questo caso, ex studente delle Scuole Civiche. Modera l'incontro Ira Rubini, docente delle Civiche e giornalista di Radio Popolare. Dalla formazione alla Civica Scuola d'Arte Drammatica, agli esordi sul palcoscenico, dalle regie teatrali, al cinema, alla televisione, fino al debutto dietro la macchina da presa per dirigere L'Immortale, durante l'incontro si ripercorreranno le tappe della brillante carriera di D'Amore. Venerdì alla Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli, dalle 17 alle 18.30 Emanuele Valenti, docente, giornalista, conduttore radiofonico e ricercatore specializzato in conflitti, crisi internazionali e geopolitica condurrà il webinar Il Coronavirus, e poi?- Parliamone insieme che coinvolgerà gli studenti del corso di laurea magistrale in Relazioni Internazionali e il pubblico in una riflessione per capire meglio il presente e preparaci al futuro. Per poter partecipare è necessario registrarsi tramite il link alla pagina https://fondazionemilano.eu. L'incontro si terrà online su Zoom; ai partecipanti verrà comunicato via email il link per potervi accedere. Inoltre da questa settimana è possibile partecipare agli open day di tutti i corsi della Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli collegandosi al canale youtube. Venerdì è in programma l'Open Day dell'Istituto di Ricerca Musicale della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado in videoconferenza Zoom con il coordinatore Massimo Mariani. E non è finita: da più di un mese tutte le Scuole Civiche di Fondazione Milano curano «CivicaMente» uno speciale palinsesto settimanale che rende disponibile sul sito e sui social una ricca selezione di contenuti, da concerti, film, interviste, cortometraggio spettacoli, consigli di lettura per continuare a fare e condividere cultura con il pubblico.

Commenti