"Niente misure straordinarie venite tranquilli ai mercatini"

Il sindaco tranquillizza dopo l'attentato a Strasburgo Intorno al Duomo 33 baite con presepi e prodotti tipici

"Niente misure straordinarie venite tranquilli ai mercatini"

«Non facciamoci prendere dalle paure e viviamo con intensità gli eventi del Natale in città». Il sindaco Beppe Sala ha inaugurato personalmente ieri il mercatino intorno al Duomo - 33 baite di legno e 65 imprese commerciali con prodotti che vanno da presepi artigianali, a torroni, giocattoli fino al veleno d'api contro i dolori - e ci ha tenuto a lanciare un messaggio rassicurante dopo l'attentato terroristico di martedì sera al mercato natalizio di Strasburgo. Dopo gli spari in Francia «non ci sono misure particolari ma un'attenzione continua» sulle aree più frequentate come piazza Duomo, i villaggi in Darsena e ai Giardini Montanelli, il Castello. «Ci siamo sentiti in questi giorni con questura e prefettura - ha proseguito il sindaco . e riteniamo che le misure siano quelle corrette, basate su tante forze in campo, il più possibile, forze dell'ordine per la strada, tecnologie, le barriere anti terrorismo e grande attenzione da parte di tutti noi. Invito i cittadini a godersi la città e al limite di segnalare se vedono situazioni anomale, ma non stiamo prendendo misure straordinarie». Cherif Chekatt, il presunto attentatore di Strasburgo, è stato ucciso due sere fa durante uno scontro a fuoco con le forze speciali di polizia. Certo sottolinea Sala «non credo che si possa essere tranquilli perchè è stato individuato il responsabile, il vero problema è che ci sono fenomeno emulativi e questo tipo di terrorismo non agisce con un'organizzazione predefinita ma fatta di tanti rami, senza neanche un vertice, non sappiamo con esattezza quanti focolai ci sono. La tranquillità da questo punto di vista non ci è data, ma la consapevolezza di essere ben protetti sì». Conferma il presidenti degli ambulanti di Apeca Giacomo Errico che intorno al Duomo ai controlli delle forze dell'ordine si aggiunge «un sistema di sicurezza affidato ad un'agenzia di guardie giurate, abbiamo unità cinofile, presidiamo gli ingressi. Siamo tranquilli». E con una battuta consiglia ai residenti «di rimanere a Milano per godersi lo spirito e i prodotti tipici natalizi, non abbiamo nulla da invidiare a Bolzano, anche se le montagne sono belle». All'inaugurazione anche l'assessore al Commercio Cristina Tajani e il presidente di Confcommercio Milano Carlo Sangalli che sottolinea l'obiettivo di coinvolgere con queste iniziative anche le periferie per «una città sempre più inclusiva e policentrica».

Il mercatino intorno al Duomo ha preso il via a inizio settimana e proseguirà fino al 6 gennaio tutti i giorni dalle ore 9 alle 22.30, oltre alle baite vengono proposte varie iniziative per i bambini, dagli spettacoli dei burattini alle bolle giganti. E a fronte di una tassa di occupazione agevolata gli organizzatori devolvono 200mila euro: 120mila alla Veneranda fabbrica del Duomo per il restauro della cattedrale, 40mila all'Istituto dei Tumori e 10mila al Comitato Letizia Verga. Obiettivo per il futuro è di «aprire» le baite già da inizio dicembre.

Commenti