Al pedofilo dei peluche nove anni

Condannato a nove anni, il pedofilo che aveva abusato di due bambine

Al pedofilo dei peluche nove anni

Il gup Elisabetta Meyer ha condannato a 9 anni di carcere con il rito abbreviato Sergio Marziano, 40 anni, arrestato il 4 ottobre scorso dalla squadra mobile per violenza sessuale dopo che, pochi giorni prima, aveva aggredito una bimba di 6 anni a Chinatown, in via Bramante. L'uomo, incastrato dalle telecamere e da un testimone, è risultato l'autore, nel marzo 2016, di un altro abuso su una bimba disabile.

Inoltre era già stato arrestato nel 2012 - usava lo stratagemma di tenere in auto dei peluche per adescare le ragazzine fuori dalle scuole - ed era tornato in libertà nel gennaio 2016 dopo la condanna per tentata prostituzione minorile, atti osceni e corruzione di minori.

Il giudice, che ha accolto la richiesta dei pm Luca Gaglio e Gianluca Prisco, ha riconosciuto risarcimenti provvisionali alle due vittime e ai loro familiari.

Qualche mese fa, il 18 gennaio, era toccata a un altro 40enne, Edgar Bianchi, il «maniaco dell'ascensore», anche lui arrestato per la seconda volta e condannato a altri dieci anni in carcere per violenza sessuale. Tra il 2005 e il 2006 gli erano stati attribuiti una ventina di episodi, quasi tutti compiuti con la medesima modalità a Genova. Era stato condannato a 14 anni e 8 mesi con rito abbreviato, poi in appello la pena era stata ridotta a 12 anni.

Tra indulto e liberazione anticipata, ha scontato otto anni di carcere. In cella aveva seguito un percorso terapeutico e credeva di «esserne uscito». Nel 2014 era tornato libero e 3 anni dopo aveva agito ancora, stavolta a Milano, stavolta scegliendo una ragazzina all'uscita da scuola.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica