Il Comune di Milano spende 38mila euro per un murales immigrazionista

Il murales immigrazionista di via Sammartini è costato ai milanesi la bellezza di 38mila euro. Sardone: "Per loro l'immigrazione indiscriminata resta sempre una priorità"

Il Comune di Milano spende 38mila euro per un murales immigrazionista

Il Comune di Milano ha investito ben 38mila euro in un murales pro-immigrati. La cosa ancora più assurda è che i soldi sono stati prelevati da un fondo per i giovani. Insomma, una scelta a dir poco discutibile in nome "della solita retorica buonista e multiculturalista". A rendere noto il fatto è Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega, in seguito a un'interrogazione all'amministrazione di Beppe Sala. "Il murales di via Sammartini, presentato a inizio giugno in pompa magna dall'amministrazione comunale con la solita retorica buonista e multiculturalista, è costato ai milanesi la bellezza di 38mila euro come ho potuto apprendere dalla risposta del Comune alla mia interrogazione".

Come si evince dai documenti, 16mila euro sono stati prelevati dai fondi della Direzione Area Giovani Università e Alta formazione, 8mila dai fondi della Direzione Politiche Sociali Area Emergenze sociali, diritti e inclusione. Gli altri 8mila sono stati prelevati dai fondi della Direzione Cultura Area Valorizzazione patrimonio artistico. Inoltre, sono stati spesi altri 6mila euro per l'ospitalità dei quattro artisti che hanno pernottato a spese dell'amministrazione in un ostello della città.

Il conto salatissimo è stato così investito per il progetto Lasciare il segno 2, realizzato dal Comune di Milano insieme all'Associazione Bjcem - Biennale des jeunes Createurs de l'Europe et de la Mediterranee, di cui il Comune è tra i soci fondatori. Per Sardone "è assurdo che la sinistra faccia propaganda immigrazionista a due passi dalle distese di clandestini che popolano la zona della stazione Centrale: nel sottopasso Mortirolo ci sono decine di profughi senza documenti, in piazza Duca d'Aosta spadroneggiano i pusher extracomunitari e l'amministrazione si permette di gettare al vento 38mila euro solo per lavarsi la coscienza di un'accoglienza sfrenata che non sa gestire".

In questo progetto sono stati coinvolti anche 29 ragazzi dei licei che hanno incontrato mediatori culturali e hanno visitato un centro d'accoglienza. "Ma è possibile che la sinistra sia sempre in prima linea per fare politica a senso unico persino nelle scuole? Per loro l'immigrazione indiscriminata resta sempre una priorità, nonostante il parere opposto dei cittadini che a ogni tornata elettorale bocciano le politiche di Pd e compagni. Politiche che a Milano continuano a rivelarsi dannose senza che il sindaco Sala e i suoi assessori se ne accorgano minimamente".

"L'importo dedicato a 'Lasciare il segno', derivante anche da fondi ministeriali 'Siproimi' - ci spiegano dal Comune di Milano - non è servito alla sola realizzazione del murales, ma è stato utilizzato per tutte le attività del progetto che ha preso avvio nel 2018: laboratori teorici e applicazioni pratiche (con esperti, mediatori culturali e artisti professionisti), visite a un centro 'Siproimi', realizzazione di una pubblicazione bilingue (italiano/inglese) che sta permettendo di raccontare il progetto sia in Italia che all’estero". E ancora: "La realizzazione del murales, cui hanno lavorato insieme studenti e artisti internazionali, è stata solo l’ultima fase del progetto e ha tra l'altro consentito di riqualificare uno spazio lasciato incompleto ed esteticamente brutto".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti