Missione Napolitano vola in Estremo oriente e affida a Schifani le funzioni di capo dello Stato

Capo dello Stato per una settimana, da sabato a sabato. È l’impegno che come vuole la procedura ha preso il presidente del Senato salutando l’altra sera all’aeroporto di Ciampino Giorgio Napolitano in partenza per l’Estremo Oriente. Negli otto giorni di assenza del presidente della Repubblica impegnato in una visita di lavoro in Corea del Sud e in Giappone, Renato Schifani ne assumerà a interim le funzioni. Napolitano è il primo presidente italiano a recarsi formalmente a Seul dove è atterrato ieri accompagnato dalla moglie e dal ministro degli Esteri, Franco Frattini. Gli incontri ufficiali con il presidente coreano Lee Myung-bak, previsti per oggi, si propongono anche di aprire la strada a relazioni economiche e commerciali più consistenti. In programma anche l’inaugurazione della nuova sede dell’ambasciata d’Italia a Seul. Dalla Corea del Sud, impegnata in un difficile dialogo di pace con i cugini comunisti del Nord, mercoledì Napolitano si sposterà in Giappone, dove si fermerà fino a sabato. A Tokyo parteciperà all’assemblea dell’Italy-Japan Business Group, incontrerà l’imperatore Akihito e il primo ministro in pectore Yukio Hatoyama, il leader del Partito democratico (DpJ) vincitore delle storiche elezioni del 30 agosto che hanno visto sconfitto dopo 54 anni il Partito liberaldemocratico.