Ecco il nuovo sottomarino nucleare degli Stati Uniti: cosa è in grado di fare

Gli Stati Uniti sono pronti a varare il nuovo mostro degli abissi: si tratta del sottomarino nucleare più potente della sua flotta chiamato New Jersey. Ecco le caratteristiche e perché potrà tornare utile nel conflitto contro Putin

Ecco il nuovo sottomarino nucleare degli Stati Uniti: cosa è in grado di fare

Un nuovo arrivato arricchisce la flotta dei sottomarini degli Stati Uniti: si tratta del New Yersey, il sommergibile più grande e potente tra quelli nucleari esistenti. Il nome completo è "Virginia New Jersey" (SSN 796), recentemente lanciato nel fiume James, in Virginia, presso la divisione Newport News Shipbuilding della società che lo ha costruito. È un mostro di grandezza e tecnologia mai visto prima: il sottomarino pesa 7.800 tonnellate ed è stato sommerso e spostato da rimorchiatori fino al molo del cantiere navale per l'allestimento finale, i test e la certificazione dell'equipaggio come si può vedere nel video spettacolare che abbiamo allegato in fondo al pezzo.

"Pronto per la Marina"

"Il raggiungimento di questo traguardo nella costruzione è un evento molto gratificante per il nostro team di costruzione navale", ha affermato Jason Ward, vicepresidente della costruzione di sottomarini di classe Virginia a Newport News. “I nostri costruttori navali e fornitori hanno dedicato anni di duro lavoro. Ora non vediamo l'ora di eseguire il nostro programma di test sull'acqua e di lavorare per le prove in mare in modo da poter consegnare alla Marina". È chiaro che, in un contesto di guerra come quello attuale, il sottomarino potrà ritornare molto utile qualora il conflitto di Putin richiedesse un'ulteriore dispiegamento di forze sul Mar Nero.

Le caratteristiche del New Jersey

Attraverso l'accordo di collaborazione con General Dynamics Electric Boat, circa 10mila costruttori navali e i fornitori di 50 Stati hanno partecipato alla costruzione del New Jersey dall'inizio dei lavori nel 2016, adesso completato per circa il 92%. I sottomarini di classe Virginia ad attacco rapido a propulsione nucleare, sono stati progettati per diverse missioni sia in mare aperto ma anche nelle vicinanze dei litorali per sostituire i sottomarini più datati. I Virginia possiedono decine di nuove tecnologie e innovazioni che ne aumentano la potenza di fuoco, la manovrabilità e la furtività per migliorare in maniera significativa le capacità di affrontare il nemico. Riescono a supportare più aree di missione e possono viaggiare a velocità superiori a 25 nodi.

Una minaccia per gli aerei

Come scrive IlMessaggero, questo sottomarino è lungo 115 metri e può erogare 280mila cavalli di potenza in un solo reattore nucleare. Pensate, la sua autonomia è di 33 anni senza la necessità di fare alcun rifornimento. In che modo attacca l'avversario? Con ben 12 missili Tomahawk a lungo raggio oltre a "quattro tubi lanciasiluri UGM-84 Harpoon". Nel suo completto, è in grado di tenere a bordo 37 unità di munizioni che potrebbero arrivare a più del doppio in quelli di quinta generazione. Non ancora operativo, gli Stati Uniti vorrebbero implementare questo mostro del mare con una particolare dotazione laser in grado di abbattere un aereo in quattro secondi. Il marchingegno avrebbe una tale potenza da colpire droni, aerei ma anche le navi e distruggerli con incredibile precisione.

Commenti