Aggredita in strada perché lesbica, 20enne mostra le foto sui social

Si tratta della quinta aggressione omofoba subita da Charlie Graham, una ragazza di Sunderland. La polizia locale ha già dato avvio alle indagini per rintracciare i responsabili, ma la giovane adesso ha paura: “Mi sento a mio agio solo a casa di mia madre”

È stata aggredita da due persone che l'hanno picchiata per strada perché omosessuale, così la 20enne Charlie Graham ha deciso di postare le foto che immortalano le sue ferite sulle proprie pagine social, così da denunciare quanto le è accaduto.

Il fatto si è verificato nella città inglese di Sunderland, per la precisione lungo Blackwood Road, nell'area di Town end Farm, intorno alle ore 13:00 dello scorso sabato 11 gennaio.

La giovane si stava recando ad un appuntamento con un amico, quando è stata improvvisamente aggredita. Due uomini l'hanno raggiunta alle spalle, per poi aggredirla con una furia inaudita. Il risultato della violenza è ben visibile sul volto della 20enne, ridotto ad una maschera di sangue.

Intervistata dal “DailyStar”, la ragazza rivive quei terribili momenti: “Sono stata colpita da dietro da un pugno diretto alla nuca, poi sono finita a terra, ferendomi le ginocchia ed il viso”, spiega Charlie. “Ho provato a rialzarmi, ma mi hanno spinta a terra, poi i due sono scappati”. Ancora nessuna traccia dei responsabili, riusciti a far perdere le proprie tracce.

A preoccupare maggiormente la giovane, il fatto che si tratta della 5 aggressione subita per le medesime ragioni. Da qui il bisogno di mostrare al mondo le sue ferite.

“È molto importante per me che le mie foto vengano condivise, così che le persone siano più consapevoli che là fuori ci sono degli individui pronti ad attaccarti per qualunque motivo ritengano opportuno. Può essere il tuo orientamento sessuale, il colore della tua pelle, il modo in cui cammini o ti vesti”, continua la 20enne. Proprio a causa di questa consapevolezza Charlie, già aggredita in passato, adesso ha paura di uscire di casa e dopo l'ultimo episodio soffre di attacchi di panico. Troppa la paura di essere nuovamente presa di mira.

“Non vado più da nessuna parte da sola. Mi sento a mio agio solo a casa di mia madre”, prosegue la ragazza. “Mi viene l'ansia anche solo a pensare di andare a casa, nel caso in cui vengano a sapere dove abito e decidano di entrare dalla porta. Ci sono state delle persone che mi hanno minacciata di entrare dalla porta di casa o di sfondare le finestre”.

Nonostante la paura, Charlie è felice di essere se stessa. “Penso che dovresti essere orgoglioso di ciò che sei. Sembro un ragazzo, mi comporto come un ragazzo, non c'è nulla di femminile in me. Ma non sono aggressiva, non cerco lo scontro. Ho cercato di non lasciarmi abbattere, di andare avanti con la mia vita, ma ho paura che succeda di nuovo, e che le cose si concludano in maniera peggiore”.

Ad occuparsi della 20enne, la zia Natalie Singh (28 anni) e la madre Michelle Storey (47 anni). Sconvolte dopo aver visto le ferite di Charlie, le due hanno cercato di occuparsi di lei nel migliore dei modi. “Alla fine della giornata, che tu sia gay, etero o di qualunque colore tu sia, che importanza ha?”, si domandano.

Del caso si sta occupando la polizia di Northumbria, che ha confermato l'aggressione ed avviato le indagini per rintracciare i responsabili. Tutti i cittadini sono stati invitati dalle forze dell'ordine a fornire qualunque informazione di cui siano in possesso.

Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 17/01/2020 - 20:24

Colpa di Salvini, raglieranno i sinistri.

bremen600

Sab, 18/01/2020 - 02:22

io non sono lesbica ma mi hanno picchiato 2 extracomunitari.io non sono finito sul giornale......

Jon

Sab, 18/01/2020 - 09:24

Attaccata perche' omosessuale?? Dice questo per finire sui giornale, perche' le donne picchiate o stuprate mai finiscono sullla stampa.. Le Arcobaleno invece si...una setta protetta..!!

Clamer

Sab, 18/01/2020 - 10:12

Più conosco l'uomo più apprezzo i cani. Mi riconosco in questa famosa frase.

venco

Sab, 18/01/2020 - 11:51

E' successo in Italia? no!

Ritratto di Gius1

Gius1

Sab, 18/01/2020 - 12:57

Se succedeva in Italia si parlava di Salvini , di fascisti, di xenofobi etc...