Assalto a un convoglio Onu: ucciso ambasciatore italiano

L'attacco è avvenuto nel Congo orientale. Ucciso anche un carabiniere della scorta del diplomatico Luca Attanasio

Uno scarno comunicato ha gettato nello sconforto l'ambiente diplomatico italiano: "L'ambasciatore italiano in Repubblica Democratica del Congo è rimasto ucciso in un attacco a un convoglio delle Nazioni Unite nell'est del Paese", si legge in un lancio di agenzia arrivata nella mattinata di questo lunedì.

L'agguato

Purtroppo la notizia ha trovato riscontri: Luca Attanasio, ambasciatore italiano, è deceduto a seguito a un agguato teso nella città di Goma. Quest'ultima è una delle città più turbolente del Paese africano, in preda da decenni a guerre e instabilità. Secondo le autorità del Virunga National Park, a rimanere ucciso è stato anche un Carabiniere. Sono comunque in corso approfondimenti per comprendere la dinamica dell'accaduto. In una foto diffusa nelle scorse ore, si nota il finestrino dell'auto dove viaggiavano i due italiani crivellata di colpi.

"L'Ambasciatore ed il militare - si legge in un comunicato della Farnesina - stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della Monusco, la missione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo". Ignote per il momento le dinamiche dell'attentato: tutto è avvenuto a Goma, capoluogo della provincia del Nord Kivu, la stessa che da anni è al centro di conflitti e rivendicazioni.

Il territorio dove oggi è stato compiuto l'attacco fatale a Luca Attanasio, tra il 2004 e il 2008 è stato epicentro di una guerra civile che in realtà nel decennio successivo non è mai del tutto cessata. Quella della provincia orientale della Repubblica Democratica del Congo, è una delle tante guerre dimenticate dell'Africa. A nulla è valsa la presenza della missione Onu Monusco, stanziata già a partire dal 2010, dopo il via libera con la risoluzione 1925 del Consiglio di Sicurezza.

Nel dicembre del 2020, lo stesso consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha prorogata di un anno la missione, anche se in prospettiva l'Onu a medio termine ha in progetto un disimpegno dal Paese africano. Attualmente sono operativi 17.467, di cui oltre 12mila sono truppe e quasi tremila civili. I principali contribuenti alla missione sono Pakistan, India e Bangladesh.

Il conviglio in cui viaggiava Luca Attanasio è stato attaccato da miliziani i quali, secondo una prima ricostruzione, avrebbero lanciato un agguato con armi leggere. Non c'è stata al momento una rivendicazione ufficiale. L'episodio ha colto di sorpresa i mezzi che stavano viaggiando nel Nord Kivu, nelle settimane scorse non c'erano stati settori di un attacco diretto nei confronti di rappresentanti della missione Onu.

Chi era Luca Attanasio

Attanasio era ambasciatore a Kinshasa dal settembre 2017: nato a Saronno 43 anni fa, si era laureato nel 2001 alla Bocconi, successivamente ha intrapreso una carriera diplomatica che spesso lo ha portato in Africa, soprattutto tra Marocco e Nigeria. Il militare invece, come riportato dall'AdnKronos, aveva 30 anni ed era in servizio all'interno dell'ambasciata italiana di Kinshasa: il suo nome era Vittorio Iacovacci.

L'ambasciatore viene descritto in queste ore come un uomo profondamente attaccato al continente africano. Nello scorso mese di ottobre Attanasio assieme alla moglie, Zakia Seddiki, aveva ricevuto il premio Nassiriya per via dell'impegno della coppia nel sociale. La coppia ha curato infatti la fondazione l'associazione umanitaria "Mamma Sofia", impegnata ad aiutare bambini e ragazze madri in Congo.

Basta leggere il curriculum dell'ambasciatore per comprendere il suo attaccamento umano e lavorativo all'Africa. Dopo il primo incarico nel 2003 alla Direzione Affari Economici, Attanasio era stato assegnato alla Direzione generale dedicata al continente africano. Successivamente è arrivata la nomina a vice capo della Segreteria del sottosegretariato di Stato con delega all'Africa. Dopo quattro anni trascorsi all'ambasciata di Berna tra il 2006 e il 2010, Attanasio è stato inviato per la prima volta con un ruolo operativo in Africa: a Casabalanca, in particolare, è stato per tre anni console reggente.

Dopo due anni trascorsi a Roma, il nuovo appuntamento con il continente africano è arrivato nel 2015, quando è stato nominato primo consigliere dell'ambasciata italiana in Nigeria. Due anni più tardi, l'arrivo alla nostra ambasciata a Kinshasa. Un diplomatico molto giovane, che amava curare gli aspetti del tribolato Paese dove oggi ha trovato la morte. Oltre alla moglie, Attanasio lascia anche tre figli.

Le reazioni del mondo politico

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso cordoglio per la morte del nostro ambasciatore: "L'Italia - si legge in una nota del Quirinale - si stringe attorno alle famiglie delle vittime".

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha espresso profonda tristezza per l'accaduto ed ha lasciato anticipatamente la riunione del Cae a cui stava partecipando, rientrando subito in Italia: "Terrò il prima possibile un'auduzione per spiegare quanto accaduto". Anche il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha ribadito il cordoglio, condannando l'attacco contro il convoglio delle Nazioni Unite in cui è stato ucciso Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 22/02/2021 - 12:45

^(*@*)^ Condoglianze alle famiglie DEL CARABINIERE E DEL DIPLOMATICO, ora l’Italia per ritorsione invierà un bel l’avviso di garanzia

routier

Lun, 22/02/2021 - 13:04

Quando, in tempi non lontani, la Diplomazia era una cosa seria, uccidere un Ambasciatore era considerato un atto di guerra. Oggigiorno il buonismo becero, anacronistico e cala/braghe, lo considera un increscioso evento accidentale. Yukio Mishima (irriducibile nazionalista giapponese) si rivolterà nella tomba!

oracolodidelfo

Lun, 22/02/2021 - 13:05

Sempre nella Rep. Democratica del Congo, nel 1961, vennero trucidati 13 aviatori italiani facenti parte del contingenti di Pace dell'ONU. Commemorano anche Muzio Scevola. ma nessuna commemorazione per quegli italiani. Vergogna!

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 22/02/2021 - 13:06

L'auto dell'Ambasciatore., considerata la regione "turbolenta" era blindata?

Alessio2012

Lun, 22/02/2021 - 13:14

ABBIAMO BISOGNO DI LORO. FANNO I LAVORI CHE GLI ITALIANI NON VOGLIONO PIU' FARE.

ruggerobarretti

Lun, 22/02/2021 - 13:19

Le organizzazioni sovranazionali sono il piu' grande problema. Condoglianze alla famiglia del funzionario e del milite.

ST6

Lun, 22/02/2021 - 13:21

Esportare Democrazia porta solo morti e guai. Non s'impara mai

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 22/02/2021 - 13:28

^(*@*)^ Gli attentatori NON li beccheranno mai e poi mai e poi mai e poi mai ma se succedesse e venissero di instradati in itaGlia rischierebbero subito gli arresti domiciliari

Malacappa

Lun, 22/02/2021 - 13:29

Condoglianze alle famiglie,e una ragione in piu'per non andare in quei posti tanto pericolosi lasciateli fare fra di loro

ClaudioD1961

Lun, 22/02/2021 - 13:30

Grave, Gravissimo, vediamo come reagisce il nostro Ministero degli Esteri, ...con una semplice espressione di cordoglio? E Vediamo chi si mette in ginocchio dei nostri politici di sinistra.....

necken

Lun, 22/02/2021 - 13:33

non dimentichiamoci che queste persone al servizio del ns Paese ci rappresentano al meglio e la loro dipartita riguarda noi tutti. Sono sempre i migliori che lasciano prima, anzi troppo presto....

Dordolio

Lun, 22/02/2021 - 13:43

Mi pare che nel 1961 - a Kindu - proprio in Congo, avevamo avuto già sgradite sorprese. Vennero massacrati 13 nostri aviatori. Chissà se qualcuno ancora se ne ricorderà.... Io sì: facemmo tutti un compito in classe (elementare) sul tema. Altri tempi. Altre sensibilità.

andy15

Lun, 22/02/2021 - 13:48

Condoglianze alle famiglie. Ma consentitemi: cosa ci facciamo in Congo, per di piu' con l'Onu? L'Onu e' un'organizzazione terzomondista che foraggia indirettamente i gruppi terroristici: le stime dicono che piu' della meta' del valore di un carico di aiuti va in mazzette ai gangster e terroristi locali per consentire il passaggio. Basta quindi con il multilateralismo e basta con gli aiuti all'estero. Siamo nella cxxxa fino al collo, non riusciamo a far decollare le vaccinazioni, gli ospedali scoppiano, e malgrado questo mandiamo alla morte diplomatici e carabinieri? Per cosa?

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 22/02/2021 - 13:49

Tramite queste pagine esprimo il più vivo cordoglio per la perdita di questi nostri connazionali. Detto questo, vi pare che rispetto alla Repubblica Democratica del Congo in Italia stiamo meglio? Anche in Italia abbiamo un partito che si autodefinisce "democratico", senza esserlo, anzi, essendo (e via via le cose si scoprono) invischiato in mille intrallazzi, economici, finanziari, giudiziari, politici dai quali esce sempre con le "mani pulite" (già!) grazie agli occhi di riguardo di certa magistratura...

fabioerre64

Lun, 22/02/2021 - 13:50

Condoglianze alle famiglie e rappresaglia immediata!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 22/02/2021 - 13:50

Secondo voi quelli che stanno qui e quelli che arriveranno, si sentiranno appagati dalla vita in Europa? Vedrete che quando saranno tanti come sconvolgeranno la nostra pace, con manifestazioni distruzione e saccheggi ed uccisioni. In mezzo poi, anche i centri sociali per non farsi mancare nulla.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Lun, 22/02/2021 - 14:02

@Malacappa... non penso fossero lì in vacanza...

cir

Lun, 22/02/2021 - 14:04

ST6 Lun, 22/02/2021 - 13:21 : eppure la sola merce della quale noi occidentali ne abbiamo i magazzini pieni...non parliamo poi degli yankees!

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Lun, 22/02/2021 - 14:09

ST6, già.........., esportare democrazia nella Repubblica Democratica del Congo...quando non sappiamo liberare pescatori sequestrati illegalmente dalla Libia

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 22/02/2021 - 14:12

@navajo: dalla foto riportata parrebbe di no, il vetro è un normalissimo vetro temperato

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 22/02/2021 - 14:13

Condoglianze alle famiglie, erano entrambi giovani, spiace molto che siano morti in un vile attacco.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 22/02/2021 - 14:14

^(*@*)^ Repubblica democratica del congo, TOH VE UN’ALTRA REPUBBLICA CHE SI AMMANTA DELL’AGGETTIVO D E M O C R A T I C A dove di democratico non hanno nemmeno i PARACARRI E CANALI DI SCOLO,

Myriam.Z

Lun, 22/02/2021 - 14:21

Morire per un ideale, un'utopia.. La pace in Congo è responsabilità dei locali. Forse ciò che la coppia ha fatto nel sociale produrrà qualche frutto .. Il povero carabiniere doveva proteggere il diplomatico.. E come? La macchina non era blindata!

Savoiardo

Lun, 22/02/2021 - 14:33

Da rileggere il premio Nobel dr. A. Schwelleizer.La politica verso l'Africa si basa su presupposti totalmente errati.Bisogna essere realisti e cambiare.Esempio non vaccini,ma anticoncezionali.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 22/02/2021 - 14:35

Condoglianze alle famiglie, """MA COSA FARA LO STATO ITALIANO? INVIERÀ Del Maio PER PROPORRE CHE TUTTI I DELINQUENTI DEL CONGO SONO BENVENUTI NEL TERRITORIO ITALIANO E CHE TUTTI POTRANNO AVERE LA CITTADINANZA ED IL REDDITO DI QUESSTA FINO ALLA LORO MORTE"""???

maurizio@rbbox.de

Lun, 22/02/2021 - 14:42

primulanonrossa heheh possibile! Gli attentatori saranno già vicini ad un porto, dove una nave di una ONG diretta in Italia li preleverá e li porterà da noi. Li manterremo pure

magnum357

Lun, 22/02/2021 - 15:01

R.i.p. !!!! Condoglianze alle loro famiglie !!!!

cir

Lun, 22/02/2021 - 15:12

Myriam.Z Lun, 22/02/2021 - 14:21 e se la " non pace del "CONGO " fossero le sue ricchezze d'oro e di diamanti ?

Ramese

Lun, 22/02/2021 - 15:13

a tutti coloro i quali chiedono 'cosa ci facciamo lì?' o osservano che dovremmo lasciarli al loro destino: il Congo è un paese ricchissimo di minerali essenziali per il nostro mondo; essere presenti in Congo è necessario ...

steluc

Lun, 22/02/2021 - 15:19

Invece di scatenare i caccia e le forze speciali, si scateneranno i coccodrilli di questo stato pappamolla( ma spietato coi suoi cittadini).

Maura S.

Lun, 22/02/2021 - 15:20

@ maurizio@rbbox.de . Appunto!!! Ecco la stupidità di questo nostro (s) governo di incapaci.

roberto67

Lun, 22/02/2021 - 15:28

E' una storia che si ripete. Accadde a Kindu, quando la missione italiana venne interamente trucidata, e si ripete oggi: questo è il ringraziamento dei Congolesi, ancora troppo impegnati ad ammazzarsi tra loro in guerre tribali di stampo preistorico.

Divoll

Lun, 22/02/2021 - 15:50

Lasciare l'Africa agli africani, se la devono vedere da soli. Le nostre intromissioni, quand'anche fatte con buoni propositi (e dubito che siano mai puramente altruistici) portano solo a tragedie, senza risolvere nulla.

Divoll

Lun, 22/02/2021 - 15:57

@ Ramese - Mai sentito parlare di COMMERCIO? Andare in un paese, sotto la facciata della pacificazione, per sfruttarne le risorse naturali e' osceno. lasciare che quelle genti se la vedano tra loro e che possano vivere delle proprie ricchezze naturali esportandole a noi, questa e' l'unica cosa giusta, democratica e umana che si possa fare. Anche per consentire a loro di restare a casa e a noi di non doverli mantenere qui. Poi oro e diamanti vanno forse a lei? No, vanno a pochi ricconi che sfruttano anche i popoli europei.

Ramese

Lun, 22/02/2021 - 16:19

@ Divoll nessuno e' in Congo per pacificazione. L'ambasciatore e' li' come in ogni altro posto. Non si tratta di oro e diamanti, ma ti metalli rari essenziali per l'industria elettronica (ad esempio i cellulari ei i PC con i quali legge questi articoli). Nel riassetto mondiale in corso, nell'ambito del quale l'Unione Europea si sta consolidando a grande potenza, le risorse vanno contese alle altre grandi potenze ...

barbarablu

Lun, 22/02/2021 - 16:24

dai tg sembra ci sia stato un assalto con armi leggere... quindi deduco che l'auto non era blindata... come cavolo mandi in giro i nostri su un'auto non blindata in una zona considerata pari a zona di guerra??????????????? chi è il genio? condoglianze ali familiari

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 22/02/2021 - 16:36

Ora un po di servizi in tv, un po di piagnistei italici e la repubblichetta non muoverà un dito. Avessero ammazzato un ambasciatore usa, inglese, francese o israeliano sarebbe già partita la caccia all’uomo.

ulio1974

Lun, 22/02/2021 - 16:38

routier 13:04: di grazia, ci illumini contro chi vorrebbe muovere guerra. contro quale esercito??

montenotte

Lun, 22/02/2021 - 16:51

Pare che non fossero su macchine blindate pur attraversando una zona molto rischiosa. Mi sapete dire perchè l'Ambasciata non ne era in possesso?

giancristi

Lun, 22/02/2021 - 17:08

Gli africani del Congo si devono arrangiare. Non dobbiamo fare ammazzare i nostri giovani per aiutarli. Basta con le sinistre. Salvini al potere!

oracolodidelfo

Lun, 22/02/2021 - 18:09

Si è fatta sentire Kashetu Kyenge?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 22/02/2021 - 18:36

No... niente condoglianze, e non per mancanza di rispetto nei confronti delle vittime di questo crimine e per lo strazio dei loro cari ma per mantenere le distanze da quanti, proprio su questo forum, colgono l'occasione di una tragedia per distinguersi nella loro consueta idiozia, nelle battute banali, stupide e stantìe. Per costoro calza a pennello una massima di Karl Kraus: "La libertà di pensiero ce l'abbiamo. Adesso ci vorrebbe il pensiero).

routier

Lun, 22/02/2021 - 19:43

ulio1974 - 16:38 Temo che lei abbia frainteso il mio post. Aborro la guerra che considero una autentica nefandezza. L'unica battaglia che vorrei combattere è contro la violenza e le ingiustizie degli uomini che tuttavia so di perdere in partenza.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 23/02/2021 - 10:26

^(*@*)^ I distinguo dei progressisti hanno grande impatto e VALENZA , DICIAMO VALENZA 6 COME L’URAGNIO