Ai funerali di Castro la stampa non è gradita. Fuori il Corriere

Difficoltà per gli inviati di molte testate, arrivati per seguire i funerali di Castro

Ai funerali di Castro la stampa non è gradita. Fuori il Corriere

Per la Rai e per Repubblica di problemi non ce ne sono stati, ma per altri giornalisti entrare a Cuba in questi giorni, per seguire l'addio a Fidel Castro, non è cosa così facile. Ne sa qualcosa il Corriere della Sera, la cui inviata, Sara Gandolfi, è stata respinta dopo due giorni di attesa al Centro de prensa internacional all'Avana.

"La copertura in questi anni è stata sbilanciata", dicono i cubani del quotidiano di via Solferino. E a quanto racconta il Corriere, più di una testata ha avuto problemi. Rifiuto per Peter Tiede, della Bild, e per la troupe del canale argentino Canal 13.

Ancora nessuna conferma per i giornalisti di Telegraph e Guardian, che da domenica aspettano di sapere se potranno seguire i funerali e raccontare come si vive a Cuba in questi giorni. Castro o non Castro, per la stampa sull'isola non tira aria buona.

Commenti