Gli australiani non pensano al coronavirus: in migliaia in spiaggia

Gli australiani continuano ad affollare le spiagge nonostante il governo abbia vietato gli assembramenti e introdotto restrizioni anti-contagio

In Australia, nonostante l'emergenza-coronavirus e gli appelli delle autorità sanitarie affinché i cittadini mettano in pratica la precauzione del distanziamento sociale, la gente continua ad affollare le spiagge. Sui social media stanno infatti circolando in queste ore scatti che denunciano comportamenti irresponsabili da parte della popolazione, con le principali località balneari del Paese letteralmente prese d'assalto dalla popolazione. Finora, la nazione anglosassone ha registrato 756 contagi da Covid-19, con 7 decessi.

Gli australiani, malgrado la pandemia in corso, sembrano sfidare le restrizioni imposte dal premier Morrison a scopo precauzionale, che scoraggiano appunto gli assembramenti e stabiliscono che non possa esserci all'aperto più di una persona ogni quattro metri quadri.

A evidenziare tale scarsa consapevolezza da parte dei connazionali del primo ministro riguardo alla gravità della situazione sanitaria stanno contribuendo ultimamente delle foto, rilanciate dall'emittente locale 7News, di una Bondi Beach, una rinomata spiaggia di Sydney, più che affollata in questo venerdì pre-primaverile.

A detta del network, la località balneare, meta ogni anno di oltre due milioni di turisti, sarebbe oggi, nel pieno dell'allarme-coronavirus, caratterizzata dalla presenza di migliaia di vacanzieri.

Gli scatti di Bondi Beach gremita di cittadini hanno immediatamente indignato il web e l'opinione pubblica locale, con conseguenti post al veleno sui social all'indirizzo delle persone incoscienti che hanno deciso di sfidare, per andare al mare, gli ordini delle autorità.

Le istituzioni sanitarie nazionali, nella persona del Chief Medical Officer Brendan Murphy, hanno alla fine reagito alla pubblicazione delle istantanee, riporta sempre 7News, rinnovando agli australiani l'appello a evitare gli spostamenti da casa non necessari e a osservare la distanza interpersonale di almeno un metro e mezzo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

wrights

Ven, 20/03/2020 - 19:04

Lasciamo che agli australiani ci pensino i loro governanti e non il web o i media nostrani.

cgf

Sab, 21/03/2020 - 10:39

stanno facendo il pieno [gratuito] di vitamina D che pare abbia effetto benefico sul virus.