Badalona, sindaco guida ubriaco e aggredisce agenti: "Mi pento"

Il leader dei Popolari attacca: "I suoi problemi di dipendenza erano noti da tempo". Sospeso dal suo partito, Pastor ha abbandonato sia la carica di sindaco che quella di consigliere comunale

Badalona, sindaco guida ubriaco e aggredisce agenti: "Mi pento"

Ha violato le norme restrittive anti Coronavirus e si è messo al volante della sua auto anche se completamente ubriaco: fermato dagli agenti di polizia ad un posto di blocco, li ha prima minacciati e poi ne ha morso uno ad un braccio, per questo motivo il sindaco socialista della città catalana di Badalona Alex Pastor si è dimesso dalla propria carica il giorno dopo il grave episodio.

I fatti si sono verificati durante la serata dello scorso martedì 21 aprile, quando il primo cittadino 40enne si trovava per le strade della città di Barcellona. L'andatura incerta del veicolo di cui si trovava al volante, aveva spinto gli uomini della polizia catalana dei Mossos D'Esquadra ad effettuare un più che necessario controllo. Bloccato nel quartiere Eixample, Pastor ha reagito in modo scomposto dinanzi agli uomini in divisa.

In primis non ha saputo fornire alcuna valida motivazione per aver violato le norme di contenimento del Covid-19: pare che si sia successivamente giustificato sostenendo di essersi recato a cercare un cucciolo di cane da regalare ai figli.

Dopo di che ha dato in escandescenze quando i poliziotti gli hanno richiesto di effettuare l'alcoltest per verificare le sue condizioni fisiche. È qui che Pastor ha iniziato a perdere il controllo, divenendo fortemente aggressivo. Prima le intimidazioni, poi l'aggressione fisica nei confronti di uno di essi, morso con forza al braccio dal primo cittadino di Badalona, che è stato fermato, ammanettato e poi condotto in centrale.

Rilasciato provvisoriamente durante la giornata del successivo mercoledì, il primo cittadino si trova ora indagato con le accuse di guida spericolata e aggressione alla polizia. La notizia, decisamente clamorosa, ha sollevato ben presto un polverone, che ha costretto Pastor a rassegnare le proprie dimissioni dalla carica ricoperta: una soluzione che gli era stata imposta dai piani alti del proprio partito di appartenenza anche ore prima della decisione ufficiale.

Eletto sindaco della città di Badalona (a nord di Barcellona), la quarta città più grande della regione della Catalogna con oltre 200mila abitanti in totale, Pastor era rimasto in carica dal giugno del 2018 e quindi confermato anche l'anno successivo dopo le elezioni locali.

Il leader dei socialisti di Catalogna lo ha sospeso ed ha chiesto le sue immediate dimissioni ancor prima del rilascio, mentre il vice del primo cittadino Ruben Guijarro ha riferito che oltre a rinunciare alla carica di sindaco, Pastor si è dimesso anche da quella di consigliere comunale. "Essere divenuto sindaco ha danneggiato la mia famiglia e la mia vita personale. Ciò ha influenzato la mia salute e il mio stato emotivo e mi ha portato a fare cose di cui mi pento”, ha detto, come riportato da Catalannews.

“Erano da tempo noti i suoi problemi di alcolismo", ha attaccato il leader dei popolari Garcìa Albiol.