Boeing senza nuovi ordini di aerei per le tragedie del 737 Max

Il gigante americano, costruttore di aeroplani, Boeing non ha registrato nuovi ordini per i suoi aeroplani nel mese di gennaio. Pesano ancora la paura e l’incertezza sui recenti problemi tecnici del software anti-stallo Mcas

Boeing senza nuovi ordini di aerei per le tragedie del 737 Max

Boeing è in crisi. Il gigante Boeing, costruttore di aeroplani, ha riferito di non avere nuovi ordini di aeromobili nel mese di gennaio e di aver registrato un forte calo delle consegne in un anno, mentre il divieto di volare con il suo modello 737 Max 8, al centro delle ultime tragedie in volo, continua a pesare sulla compagnia americana.

Boeing è al centro di una delicata investigazione sui problemi tecnici collegati al sistema anti-stallo (Mcas), appositamente sviluppato sugli aerei Max, come quello presente negli aerei coinvolti negli ultimi due incidenti aerei, che hanno causato la morte di 346 persone, caduti sopra i tetti di Addis Abeba in Etiopia e nel mare di Java, a pochi chilometri da Giacarta, in Indonesia.

Il gigante aerospaziale aveva registrato 45 ordini a gennaio 2019, ma non ne ha registrati nessuno nello stesso mese del 2020, secondo il sito web di Boeing. Anche le consegne di altri modelli sono scese a 13 nel primo mese del 2020, rispetto alle 46 dello stesso mese del 2019.

Boeing, società quotata in borsa, è caduta negli ultimi mesi in un vortice di inchieste e scandali che hanno inevitabilmente gettato pesanti ombre sulla credibilità dell’inter azienda e sulla fiducia verso l’operato e la serietà del senior management.

Sempre all'inizio dell'anno, Boeing ha registrato la sua prima perdita annuale in oltre due decenni a causa della crisi del Max, che è costata miliardi di dollari agli operatori e ha aggiunto un altro miliardo di costi di produzione aggiuntivi. Proprio per questo motivo, il gigante dei cieli è stato costretto a interrompere le consegne di aeromobili e fermare temporaneamente la produzione.

Come dichiara la stessa azienda statunitense, “Negli ultimi mesi Boeing ha compiuto notevoli progressi a sostegno del ripristino in sicurezza del 737 Max mentre la società continua a collaborare con la Federal Aviation Administration (ente che regola l’aviazione civile negli Stati Uniti) e altri regolatori globali sul processo stabilito per certificare il software 737 Max e i relativi aggiornamenti sulla formazione. La società ha inoltre apportato importanti cambiamenti operativi e di governance per affinare ulteriormente la propria attenzione. Questi due tragici incidenti continuano a pesare pesantemente su tutti al Boeing. Abbiamo istituito un fondo di assistenza da $100 milioni per soddisfare le esigenze della famiglia e della comunità delle persone colpite da questi incidenti.

Boeing dichiara di aver imparato molto dalla lezione delle tragedie successe negli ultimi mesi a causa del sistema antistallo installato nel software dei suoi aeroplani: “Ci impegniamo a rendere il 737 Max uno degli aerei più sicuri del cielo. Abbiamo aggiornato il sistema di aumento delle caratteristiche di manovra (Mcas) sul 737 Max aggiungendo tre livelli aggiuntivi di protezione per evitare che incidenti come questi si ripetano. Inoltre, abbiamo intrapreso diverse azioni immediate per rafforzare l'impegno duraturo dell'azienda per la sicurezza di prodotti e servizi. Oltre a costituire un comitato permanente per la sicurezza aerospaziale del consiglio di amministrazione del Boeing, Boeing sta costituendo una nuova organizzazione per la sicurezza di prodotti e servizi che rafforzerà ulteriormente il primo obiettivo di sicurezza dell'azienda. Questa organizzazione unificherà le responsabilità legate alla sicurezza attualmente gestite dai team di diverse unità operative e operative della Boeing.