Mondo

Il decollo, poi lo schianto nello stagno e il miracolo: tutti salvi sul Boeing

Un cargo Boeing 737 è uscito di pista poco dopo l’atterraggio e si è schiantato nello stagno dell'aeroporto di Montpellier. Le tre persone che erano a bordo sono illese e sono state portate in salvo

Il decollo, poi lo schianto nello stagno e il miracolo: tutti salvi sul Boeing

La notte scorsa un cargo Boeing 737-436 è uscito di pista poco dopo l’atterraggio e si è schiantato nell’aeroporto di Montpellier. Le tre persone che erano a bordo sono illese e sono state portate in salvo dai servizi di soccorso e dagli agenti di polizia che sono immediatamente intervenuti per prestare aiuto. Al momento non sono ancora state rese note le cause che hanno portato all’incidente del velivolo che fortunatamente non ha causato né morti né feriti.

Illese le persone a bordo

Secondo quanto ricostruito, l’incidente aereo si è verificato la notte scorsa nel sud della Francia, precisamente presso l’aeroporto di Montpellier, a circa una decina di chilometri dalla costa del Mediterraneo. Secondo quanto ricostruito, il Boeing 737, che solitamente viene usato per trasportare le merci, durante la sua fase di atterraggio avrebbe invaso una pista. L’aereo di linea, utilizzato per le rotte a medio e breve raggio, è quindi uscito di pista senza però causare lesioni ai membri dell'equipaggio che aveva a bordo. La prefettura ha fatto sapere in una nota: “Le tre persone nell’aereo sono illese. Sono state portate fuori dal velivolo e messe in salvo grazie al rapido intervento dei servizi di emergenza”.

Scalo chiuso

A causa dell’incidente aereo, come riferito nelle ultime ore dalla prefettura del dipartimento dell'Herault, lo scalo è stato poi momentaneamente chiuso, per un periodo di tempo non meglio definito, e fino a nuovo ordine. Con ogni probabilità verrà riaperto quando sarà di nuovo agibile e quindi dopo la rimozione del cargo e il completo ripristino. Per il momento si sa solo che l’aereo in questione, un Boeing 737 della West Atlantic, era proveniente dall’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi e che è atterrato alle 02:37. Dopo l’atterraggio il velivolo ha quindi proseguito la sua corsa andando a finire con il muso all’interno dello stagno adiacente all'aeroporto, che si trova alla fine della pista.

Lo scorso agosto un ultraleggero si era spento in volo a causa di un ammanco di benzina. L'aviatore era però riuscito a planare sul fiume Adige raggiungendo poi la riva a nuoto. Grazie alla bravura del pilota, sia lui che il passeggero che si trovava a bordo dell'aereo sono usciti sani e salvi da quella brutta avventura.

Commenti