California, spari in un cortile: uccise quattro persone

La polizia californiana assicura di stare facendo tutto il possibile per scovare il killer, ma non avrebbe ancora informazioni sufficienti su di lui

In California, a Fresno, è avvenuta una sparatoria in cui sono morte quattro persone.

Secondo quanto riferisce la Cnn, il bersaglio dei colpi di arma da fuoco è stato un gruppo di circa 35 persone, formato da parenti e amici, riunitosi nel cortile di un’abitazione per guardare una partita di calcio. In base alla ricostruzione fatta dall’emittente citando le informazioni appena diffuse dal tenente di polizia Bill Dooley, un uomo, verso le otto di sera (ora locale) di domenica 17 novembre, si sarebbe avvicinato a piedi a quegli individui e avrebbe quindi sparato contro di loro.

Sotto i colpi esplosi dal killer sono cadute quattro persone, di cui tre morte sul colpo e una deceduta dopo un disperato ricovero in ospedale. Le vittime erano tutte di età compresa tra i 25 e i 30 anni.

I feriti, a detta del vicecapo della polizia di Fresno Michael Reid, sarebbero invece sei, ma nessuno di questi sarebbe in pericolo di vita.

Il tenente Dooley ha quindi dichiarato ai media californiani, citati sempre dalla Cnn, che, al momento, non vi sarebbero informazioni sull’identità dell’assassino o sul suo veicolo. Egli ha comunque rassicurato i cittadini riguardo al massimo impegno delle forze dell’ordine nella conduzione delle indagini, rimarcando che gli agenti starebbero ispezionando case ed esercizi commerciali in cerca di testimoni dell’accaduto e starebbero anche esaminando le registrazioni fatte dalle telecamere di sorveglianza presenti nei dintorni.

Reid ha inoltre precisato che le forze dell’ordine non avrebbero ancora elementi sufficienti per dimostrare che le 35 persone oggetto dell’attacco conoscessero il killer. L’ufficiale californiano ha in seguito rivolto le proprie condoglianze ai familiari delle persone uccise: “Il mio cuore è vicino alle famiglie colpite da questa violenza senza senso”. Egli ha infine assicurato che i suoi agenti stanno facendo ogni sforzo possibileper trovare il colpevole e consegnarlo alla giustizia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.