Cittadino italiano ucciso a coltellate in Indonesia

Luca Aldrovandi sarebbe stato trovato morto nel suo appartamento in Indonesia, dove gestiva una locanda. La polizia sospetta di uno dei suoi collaboratori

Luca Aldrovandi, 52 anni, cittadino italiano originario di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia, sarebbe morto in Indonesia, dopo essere stato accoltellato. A riferirlo è il Resto del Carlino.

Il corpo dell'uomo sarebbe stato trovato verso le otto del mattino ora locale (notte fonda in Italia), da un dipendente, che non l'aveva visto presentarsi al lavoro. Allarmata anche la moglie, che vive per la maggior parte dell'anno in Italia, così da permettere alla figlia di frequentare qui le scuole elementari. Il marito, infatti, non rispondeva alle sue telefonate. Le indagini della polizia iondonesiana si sono immediatamente concentrate su due collaboratori della vittima, che lavoravano nella struttura turistica gestita da Aldrovandi. Uno di loro, infatti, su cui sarebbero concentrati i maggiori sospetti, aveva chiesto un permesso per tornare nel suo paese natale: gli agenti lo avrebbero fermato proprio mentre era in viaggio.

Non è ancora chiaro il movente dell'omicidio, dato che Luca Aldrovandi era conosciuto come una persona mite e disponibile con tutti. Si ipotizza che possa esserci stata una lite, degenerata in una colluttazione con il killer che, armato di coltello, ha ferito il 52enne con diverse coltellate: una, al collo, sarebbe stata quella fatale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.