La ricerca choc: "Nel 2050 il collasso degli ecosistemi"

Fra 30 anni, a causa dei cambiamenti climatici, gli ecosistemi terrestri crolleranno. Ecco cosa potrebbe succedere secondo una ricerca australiana

La ricerca choc: "Nel 2050 il collasso degli ecosistemi"

Il 2050 potrebbe essere l'anno in cui, a causa dei cambiamenti climatici, gli ecosistemi terrestri crolleranno. È quanto emerge dalla ricerca condotta da Ian Dunlop, ex dirigente dell'industria dei combustibili fossili, e David Spratt, ex capo della Difesa Australiana.

L'analisi, pubblicata dal Breakthrough National Centre for Climate Restoration di Melbourne, descrive il cambiamento climatico come "una minaccia su breve-medio termine all'esistenza della civiltà umana" e delinea lo scenario catastrofico a cui è probabile arriveremo nei prossimi 30 anni.

Dall’Artico all’Amazzonia passando per la Barriera corallina: tutti gli ecosistemi crolleranno con conseguenze catastrofiche, riporta il Messaggero.

Città come Hong Kong, Mumbai, Giacarta e Bangkok saranno abbandonate per l'aumento del livello del mare mentre interi Paesi come il Bangladesh saranno inondati.

Il 35% della superficie terrestre potrebbe essere investita da forti ondate di calore per almeno venti giorni all’anno e alcune zone del Mediterraneo, del Medio Oriente, del sud-ovest degli Usa e dell’entroterra australiano potrebbero diventare inabitabili.

Commenti