L'ultima mossa di Macron: braccialetti per i vaccinati

Da lunedì è in vigore il tanto contestato Green pass "esteso" voluto dal presidente Emmanuel Macron e nel Paese D'oltralpe scattano i rigidi controlli, con tanto di braccialetti al polso e numeri identificativi

L'ultima mossa di Macron: braccialetti per i vaccinati

Mentre continua a destare preoccupazione la situazione della pandemia in Francia, dove continuano ad aumentare il numero dei ricoveri (9.153 persone) e dei pazienti in terapia intensiva (1.712), nel Paese scattano i controlli sul pass sanitario introdotto dal governo Macron, l'equivalente del notro Green pass. Da lunedì, infatti, come spiega l'agenzia LaPresse, è in vigore l'obbligo del pass per entrare in bar, ristoranti e viaggiare nel Paese, una misura si applica anche ai turisti. Il pass è ora richiesto sui treni ad alta velocità, intercity e notturni, che trasportano oltre 400.000 passeggeri al giorno in Francia, ha sottolineato il capo del ministero dei Trasporti Jean-Baptiste Djebbari. È richiesto anche per i viaggi a lunga distanza in aereo o in autobus. "Il pass e la campagna vaccinale dovrebbero aiutarci a evitare nuovi coprifuoco e lockdown", ha detto il ministro della Sanità Olivier Véran al quotidiano francese Le Parisien. Le disposizioni resteranno in vigore almeno fino a novembre, ha detto il ministro, dicendosi "disposto ad ascoltare chi ha paura, a rassicurare. Ma c'è un momento in cui bisogna dire basta".

I controlli sulla presenza della certificazione verde estesa voluta da Macron sono rigidi. Come racconta un reportage de La Repubblica, sui treni, una volta verificato il Green pass, i controllori estraggono dal sacco un braccialetto adesivo numerato "per sigillartelo al polso. Esperienza non esattamente gradevole. Ma tant' è. Emergenza oblige. Sulla fascetta - che dovrai mostrare anche salendo sui vagoni, durante il viaggio e all'arrivo - c'è scritto: "In treno, tutti responsabili". Da lunedì è la procedura standard in vigore nelle stazioni francesi per i treni a lunga percorrenza. È il - contestatissimo - Pass in versione "hard" esteso dal presidente Emmanuel Macron a trasporti, ospedali, grandi centri commerciali, bar e ristoranti". Le restrizioni sono valide anche negli ospedali - tranne il Pronto soccorso - dove per far visita ai parenti occorre mostrare il pass sanitario. Le sanzioni per chi sgarra sono pesanti: 135 euro di multa per chi avrà infranto la regola una volta, fino a 9 mila euro in caso di recidiva.

"Il vaccino salva la vita": l'obiettivo di Macron

"La vaccinazione salva la vita. Il virus uccide", ha chiosato Emmanuel Macron su Twitter martedì. L'esecutivo mantiene il suo obiettivo di 50 milioni di vaccinati a fine agosto, ritenuto raggiungibile visti i 45 milioni di persone che hanno ricevuto almeno una dose e il ritmo della campagna vaccinale, di circa 300.000 iniezioni giornaliere. Nella giornata odierna, il consiglio dei ministri francese esaminerà la contestata attuazione del Green pass, in vigore da lunedì e attualmente in "fase di rodaggio". "Se non avessimo avuto la vaccinazione e il Green pass probabilmente avremmo chiuso alcuni locali", ha sottolineato Gabriel Attal, portavoce del governo francese, il quale ha escluso - per il momento - l'estensione dell'obbligo di vaccinazione agli agenti di polizia. Quanto alla distribuzione di una terza dose agli anziani e ai più fragili, annunciata da Emmanuel Macron, non dovrebbe essere oggetto di una decisione nella giornata di oggi, per quale si rimane "in attesa del parere delle autorità sanitarie". Una cosa è però sicura: oggi Macron dichiarerà, con decreto, lo stato di emergenza sanitaria nella Polinesia francese pesantemente colpita dalla pandemia.

Commenti