In Spagna quasi 3mila vittime: anziani lasciati tra i cadaveri

La terribile scoperta è stata compiuta dai militari impegnati a disinfettare alcune case di riposo. In Spagna è sempre più grave la situazione sanitaria

La Spagna è uno dei Paesi al mondo più colpiti dal coronavirus. L’epidemia si sta estendo in maniera più rapida e ampia di quanto non sia accaduto in Italia, toccando anche aree che fino a pochi giorni fa non avevano registrato casi di contagio.

L’ultimo bilancio aggiornato a ieri sera è di 40mila persone colpite dall’infezione, di cui 6.584 nelle ultime 24 ore, mentre nello stesso arco di tempo si sono registrate altre 514 vittime. Il totale di chi ha perso la vita a causa del coronavirus è di quasi 2.700 persone. Ma vi è anche un altro numero che non lascia tranquilli. Ad oggi sono 5.400 gli operatori sanitari contagiati, il 13,6% dei casi totali.

Il sistema ospedaliero spagnolo, a causa dell’altissimo numero di pazienti ricoverati, è in enorme difficoltà. Allo stesso modo, anche le pompe funebri sono vicine al collasso, soprattutto a Madrid. Nella capitale, si è ovviata all’impossibilità di rispettare le scadenze legali per seppellire i defunti con l’allestimento di un obitorio provvisorio in una pista olimpica di pattinaggio di 1.800 metri quadrati. Le imprese dispongono di pochi dispositivi di protezione, strumenti indispensabili per garantire che anche i funerali non diventino nuove fonti di infezione.

Sempre a Madrid due hotel sono stati trasformati in ospedali ma, in considerazione di un aumento dei casi, si sta pianificando di trasformare altre cinque strutture ricettive in nosocomi. L'associazione alberghiera locale ha messo a disposizione 40 hotel per sostenere gli operatori sanitari. Un ospedale da campo è stato, inoltre, allestito alla fiera Ifema, che di recente ha ospitato la conferenza sul clima delle Nazioni unite Cop25.

Come se non bastasse, i militari spagnoli impegnati a disinfettare alcune case di riposo si sono ritrovati dinnanzi a scene a dir poco terrificanti. I soldati hanno rinvenuto gli ospiti delle strutture che vivevano abbandonati a loro stessi, tra i cadaveri di persone probabilmente decedute per il coronavirus e lasciate nei propri letti. La notizia è stata resa pubblica dal ministro della Difesa, Margarita Robles, che però non ha fornito indicazioni in merito alle località dove sono stati scoperti i cadaveri.

In una intervista a Telecinco, il ministro ha dichiarato che il governo sarà "inflessibile nel controllare come vengono accuditi gli anziani" nelle case di riposo. La procura ha immediatamente aperto un'inchiesta per far luce su questa drammatica vicenda. Il peggio per la Spagna ancora deve arrivare. "Questa è la settimana difficile", ha dichiarato il capo del centro emergenza sanitaria, Fernando Simon.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.