Il coronavirus al microscopio: ecco la morfologia strutturale

Il centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta, negli Stati Uniti, ha diffuso alcune foto che mostrano la morfologia ultrastrutturale del coronavirus

Sono state diffuse le prime immagini del coronavirus, lo stesso che ha messo in ginocchio la Cina e gettato nel panico il mondo intero

A fotografare il 2019-n-Cov è stato il centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta, negli Stati Uniti. Le immagini diffuse mostrano la morfologia ultrastrutturale, ovvero quella struttura del virus non visibile con il microscopio ottico ma solo con quelli elettronici e ionici.

Negli screen si può vedere la forma esatta dell’agente patogeno. I vironi, cioè la parte infettiva del virus, sembrano piccoli globuli rossi; sopra di loro ci sono piccole punte rosse le cui estremità assomigliano vagamente alle forme di una corona. Il termine scientifico è 2019-n-Cov, dove la lettera n indica “nuovo” mentre Cov sta per “coronavirus”.

Ricordiamo che il nuovo coronavirus è stato identificato come causa dell’epidemia di malattie respiratorie scoppiata a Wuhan, megalopoli di 11 milioni di persone situata nella Cina centrale, nella provincia dello Hubei. Stando ai dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) i decessi provocati dal 2019-n-Cov sono quasi 200 in territorio cinese; i contagi globali, al momento, si attestano attorno alle 8mila unità. Questi numeri sono tuttavia provvisori e soggetti a repentine variazioni.

Dati e statistiche

Il governo cinese, che ogni giorno riporta i dati aggiornati dell’epidemia, ha stimato in oltre 12mila i casi sospetti, con 1370 pazienti in gravi condizioni. Oltre la muraglia i casi confermati sono un’ottantina, distribuiti in 18 Paesi, Italia compresa. In Europa ci sono oltre dieci casi, tra Francia, Germania, Finlandia e, appunto, il nostro Paese. I dati, ripetiamo, cambiano rapidamente ed è pressoché impossibile avere un quadro statico del contagio.

L’Oms, data la situazione, ha dichiarato l’epidemia di coronavirus un’emergenza globale. Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus ha spiegato che cosa sta accadendo: “Benché i casi fuori dalla Cina siano ancora relativamente pochi dobbiamo agire insieme per limitare un'ulteriore diffusione. Non sappiamo quali danni questo tipo di virus potrebbe causare in Paesi con una debole sanità pubblica. Dobbiamo aiutarli”.

Nel frattempo uno studio del New England Journal of Medicine, riportato dal sito MedicalFacts, ha spiegato alcune caratteristiche del coronavirus. Si tratta di un virus che colpisce per lo più persone adulte: “L'età media infatti dei pazienti colpiti da coronavirus è 59 anni e nel 56% dei casi si tratta di uomini”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maxmado

Ven, 31/01/2020 - 10:08

E' quasi carino, molto fashion …

anita_mueller

Ven, 31/01/2020 - 10:09

I vari governi del mondo (al servizio del Governo Ombra Mondiale) hanno dei centri di ricerca (molti dei quali segreti) in cui certi virus mortali vengono proprio creati nei loro laboratori: gli sponsor sono sia Big Pharma che come dei parassiti ci guadagnano coi loro farmaci e vacini, sia l'élite globalista (di questo Governo Ombra Mondiale) che dei fini ancora più squallidi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 31/01/2020 - 10:15

Praticamente è come fosse stata innescata una reazione a catena ... un coacervo di milioni di persone ha fatto da "esperimento di Los Alamos".

sbrigati

Ven, 31/01/2020 - 10:39

In un colpo solo hanno risolto il problema dell'invecchiamento della popolazione e quello delle pensioni da pagare.

Just_Kate

Ven, 31/01/2020 - 10:50

Yawn, che noia... Credo al Coronavirus allo stesso modo in cui credo che l'uomo fra cinque anni andrà su Marte, cioè per niente. Dormite sonni tranquilli, non c'è alcun virus mortale. Tra poco 'spunteranno' fuori i vaccini e Big Pharma si sfregherà le mani.

tormalinaner

Ven, 31/01/2020 - 13:02

Virus perfetto per guerra batteriologica, molto infettivo, poco mortale blocca tutte le attività mettendo in ginocchio l'economia. Arma perfetta per chi vuole distruggere la Cina. Quando sarà in ginocchio troverabnno il rimedio.

trasparente

Ven, 31/01/2020 - 13:53

2020 niente allarmismo è solo la terza guerra mondiale, guerra batteriologica, silenziosa e assassina. I criminali si nascondono nei bunker.

Reip

Ven, 31/01/2020 - 13:58

TROPPO TARDI! Da tempo la situazione in Cina era gia’ gravissima da tempo, il Governo italiano lo sapeva e hanno fatto atterrare voli e arrivare gente malata dalla Cina! E il problema non e’ soltanto chi arriva dalla Cina ma anche chi proviene da altri Paesi. In particolare dall’Africa dove ci sono migliaia di imprese cinesi, e milioni di cinesi viaggiano in quel continente! Il grosso delle fabbriche, dell’import export in quasi tutto il continente africano, e’ cinese! In quelle regioni, non esistono infrastrutture sanitarie, tali da poter controllare l’epidemia. In Africa il VIRUS trasportato dai cinesi si diffondera’ velocemente, perche’ li non c’e’ un sistema capace di “contenerlo”! I vorulenti africani viaggeranno verso l’Europa, e grazie al Governo di sinistra e le ONG verranno “trasportati” in Italia! Oltre a migliaia di sconosciuti disperati tra mercenari, trogloditi, tagliagole e islamici terroristi, sbarcheranno migliaia di IMPESTATI!!!

routier

Sab, 01/02/2020 - 11:54

Reip, Ven, - 13:58 Analisi impietosa ma del tutto verosimile. (e proprio per questo verrà ignorata e negletta dagli ineffabili "Soloni" al potere)