Coronavirus, positivo il premier britannico Boris Johnson

Boris Johnson è positivo al Covid-19. Il leader britannico ha detto che continuerà a coordinare la battaglia contro il coronavirus

Il premier britannico Boris Johnson è risultato positivo al Covid-19. Il leader conservatore ha comunicato di avere però soltanto "lievi sintomi". La notizia è stata diffusa via Twitter ed in generale via social networl dallo stesso uomo che ha vinto le elezioni parlamentari in Gran Bretagana qualche mese fa, dopo aver ottenuto un appuntamento elettorale anticipato, che era seguito ad una crisi numerica della sua maggioranza. Boris Johnson ha fatto sapere ai cittadini che rappresenta di essere comunque nelle condizioni per continuare a coordinare il combattimento nazionale contro il coronavirus.

"Nelle ultime 24 ore ho sviluppato lievi sintomi e sono risultato positivo al coronavirus", ha detto il primo ministro birtannico. "Ora sono in autoisolamento, ma continuerò a guidare il governo in video conferenza mentre combattiamo questo virus", ha concluso Boris Johnson dal numero 10 di Downing Street. L'ex sindaco di Londra, come riportato pure dall'Agi, ha reso noto di essersi autoisolato nel momento in cui ha avvertito la sintomatologia. Il mezzo scelto per guidare l'esecutivo è quello della videoconferenza. Londra, come quasi tutte le realtà del globo terrestre, è costretta ad affrontare una crisi senza precedenti nella storia recente. Ieri, peraltro, era arrivato il grido d'allarme del sistema sanitario britannico, che ha raccontato alla Bbc, mediante un suo esponente, di essere travolto da uno "tsunami" di "pazienti gravi".

Per quanto riguarda la linea di Boris Johnson, invece, vale la pena sottolineare come l'impostazione strategica scelta per contrastare il Covid-19 sia mutata nel corso di queste che rischiano di essere ancora le prime fasi. Il discorso sulla "immunità di gregge" è ormai un ricordo finito in naftalina. Anche il Regno Unito ha predisposto tutte le contromisure che sono state adottate altrove, al fine di quantomeno controllare la diffusione dei contagi.

La fonte sopracitata specifica inoltre come l'ipotesi della positività di Johnson fosse già stata presa in considerazione dall'esecutivo britannico. Dominc Raab, il ministro degli Esteri, è deputato a prendere le redini del governo, nel caso in cui la situazione di Johnson non consentisse al cinquantacinquenne di proseguire nella sua azione. Ma almeno per ora - come premesso - Boris Johnson è vittima di "lievi sintomi". E quindi continuerà a combattere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 27/03/2020 - 13:23

Fossi voi avrei nascosto l'articolo ancora più in fondo,in effetti chi è Boris Johnson?? A parte essere l'idolo dei Sovranisti caserecci per la Brexit?

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 27/03/2020 - 13:29

ecco bravo non farti curare ma segui la tua teoria dell'immunità da gregge se hai il coraggio

jaguar

Ven, 27/03/2020 - 13:47

Chi sottovalutava il virus è stato contagiato, vedi Zinga.

necken

Ven, 27/03/2020 - 14:14

Comunque se la caverà alla grande ed imparerà la lezione!

ziobeppe1951

Ven, 27/03/2020 - 15:43

WinnEx....non mi dire che anche Zingaretti è un sovranista

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 27/03/2020 - 16:01

Boris un idolo per tutti noi. prima l'immunità di gregge (e dice moriranno a miglialia preparatevi) poi si accorge che moriranno i suoi elettori (anziani, inglesi, uomini) fa marcia indietro e grida al tutti a casa ... Bell'esempio di leader e ottimo esempio per quelli che lo hanno visto come un modello da noi...

Gioviale

Ven, 27/03/2020 - 16:54

Faccio i miei auguri allo simato Boris Johnson. Possa egli presto (e da immune!) riprendere in pieno la conduzione della ora autonoma Gran Bretagna.

libero.pensatore

Ven, 27/03/2020 - 17:55

Boris, come Bertolaso, è uno che non si risparmia ed è in prima linea, come sono sempre stati i veri inglesi ( vedi seconda guerra mondiale), senza certi piagnistei tipici di una parte degli italiani, soprattutto alla TV, mentre i nostri gloriosi medici e infermieri muoiono “al fronte”. Vai Boris, auguri a te e a tutti quelli che lottano senza lamentarsi contro il nemico, italiani, inglesi o altri che siano!!