Coronavirus in Svezia, strage silenziosa nelle case di riposo

A fronte dell’impennata di decessi da coronavirus negli ospizi, crescono le pressioni sul governo affinché adotti misure energiche contro il Covid

In Svezia hanno raggiunto picchi allarmanti i decessi per coronavirus avvenuti all’interno delle case di riposo. Nel Paese nordico, gran parte dei decessi totali da Covid registrati finora riguardano proprio ospiti di residenze per anziani. Il tragico bilancio dell’epidemia nella nazione scandinava si accresce quotidianamente, ma le autorità di Stoccolma non provvedono ancora a imporre il blocco totale delle attività non essenziali e a costringere i cittadini a restare a casa.

In base a quanto riporta l’Ansa, il morbo incriminato avrebbe ad oggi ucciso oltre 500 anziani ospitati in case di riposo svedesi e tale cifra corrisponderebbe a circa un terzo dei 1.511 decessi totali avvenuti in quel Paese. I soggetti lì infettati, complessivamente, sarebbero 14.385.

L’impennata delle morti verificatesi all’interno delle residenze socio-assistenziali sta facendo sempre più preoccupare, rileva l’organo di informazione italiano, l'Agenzia per la salute pubblica di Stoccolma e sta contestualmente spingendo l’esecutivo socialdemocratico a fare mea culpa.

Il primo ministro di sinistra Stefan Löfven ha appunto ammesso finalmente, nell’ultima settimana, di non avere fatto abbastanza sul fronte della prevenzione dei contagi, ma, denuncia l’agenzia romana, “ormai il danno è fatto”.

Sul governo svedese, rimarca sempre l’Ansa, si fa quindi ogni giorno più intensa la pressione dell’opinione pubblica, allarmata dall’avanzare dell’epidemia e dalla crescita delle vittime, nonché stupefatta nel vedere che le autorità non provvedono ancora a decretare lo stato d’emergenza.

I pubblici poteri locali non hanno infatti messo la nazione in quarantena, limitandosi a raccomandare alla popolazione di osservare comportamenti responsabili, e, di conseguenza, gli abitanti dello Stato scandinavo stanno insistendo, puntualizza lo stesso organo di informazione, affinché Löfven dia una risposta energica al dilagare del coronavirus sul territorio nazionale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Lun, 20/04/2020 - 10:19

Savianorola dirà che la colpa è della regione Lombardia che ha inviato il proprio protocollo di gestione emergenza in aiuto agli svedesi..

dagoleo

Lun, 20/04/2020 - 10:41

sentite, qui è una questione di scelte e di spazi. per far spazio ai nuovi svedesi che arrivano dall'Afrca e dal Medio Oriente, le preziose risorse della nuova Svezia, è necessario eliminare un pò di inutili svedesi vecchi, improduttivi e mangiasoldi a sbaffo. si tratta di eugenetica e mi sembra una scelta forse un pò radicale ma necessaria per aprire la Svezia al futuro.

rudyger

Lun, 20/04/2020 - 10:51

questa pandemia sta togliendo il macabro velo che nasconde le crudeltà dell'essere umano. meritiamo di esistere ancora ?

cgf

Lun, 20/04/2020 - 10:59

500? non è finita, aspettate seconda quindicina di maggio, primi giugno, quando non potranno nascondere la conta dei giovani sani e senza patologie, in Svezia continuano ad uscire col benestare del Governo. Sembra quasi che vogliano sfruttare il covid per risparmiare su coloro che non contribuiscono più sul welfare

Pigi

Lun, 20/04/2020 - 11:28

Mi sembra evidente che i contagi nelle case di riposo siano strettamente legati a quelli degli ospedali. Qualcuno che è stato nell'ospedale, come paziente o come addetto, poi è entrato nelle case di riposo diffondendo il contagio tra gli ospiti, che vivendo a stretto contatto tra loro, si sono contagiati. Speriamo che gli svedesi, a differenza nostra, mantengano la testa sulle spalle, e non blocchino il resto del paese, fabbriche e negozi innanzittutto, che non c'entrano niente con le case di riposo.

ROUTE66

Lun, 20/04/2020 - 11:48

SE è UN GOVERNO CHE PENDE A SINISTRA,NESSUN COLPEVOLE. SE FOSSE STATO UN GOVERNO DI DESTRA,SAREBBERO GIà PARTITE LE DENUNCE PER COMMISSARIARLO. LOMBARDIA DOCET.

Ritratto di Opera13

Opera13

Lun, 20/04/2020 - 17:36

@dagoleo Lun, 20/04/2020 - 10:41 - AMEN

dagoleo

Lun, 20/04/2020 - 18:02

si Opera13...amen o così sia...come preferisci. non c'è problema, 2000 vecchi svedesi morti? ne abbiamo 5000 in Siria pronti a venire ad occupare le loro comode casette coi tetti spioventi, le tendine fiorite ed i fiorellini sul balcone rimaste vuote. che problema c'è? magari in futuro l'estetica cambierà un pò...i fiorellini spariranno e spunteranno panni stesi e spiedoni di kebab...ma è la nuova Svezia del terzo millennio, accettiamola e godiamo. i costumni delle risorse presto diventeranno i nostri li dobbiamo accettare zitti e muti....che ci piacciano o no....anzi meglio che ci piacciano ... altrimenti siamo razzisti e fascisti...quindi...zitti e muti e subire.

killkoms

Mar, 21/04/2020 - 11:37

@cgf,il problema sono quei nuovi svedesi che sanno solo prendere sussidi!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 21/04/2020 - 14:12

A causa dei visitors in Svezia stanno più stretti. Perciò il suo sinistro governo adesso pretende il distanziamento sociale. "Cerchiobottismo"?