Primo vaccino su una donna di Seattle: "Io, cavia, per salvare il mondo"

La signora Jennifer Haller, americana di 43 anni, è la prima persona al mondo a sperimentare il vaccino contro il Covid-19. "Ho fatto la puntura prima di andare a lavorare, i miei figli sono orgogliosi"

Primo vaccino su una donna di Seattle: "Io, cavia, per salvare il mondo"

È la prima persona al mondo a testare il vaccino sperimentale contro il Coronavirus. Madre di due figlie e ribattezzata "mamma coraggio", la donna è un'americana di 43 anni di Seattle, negli Stati Uniti, ed ha accettato di fungere da cavia per il bene del mondo.

Come riportato da LaStampa, nella mattinata di ieri e prima di andare a lavoro, la signora Jennifer Haller, funzionaria in una società tecnologica, ha deciso di diventare la prima volontaria sulla quale gli scienziati misureranno gli effetti del farmaco chiamato a sconfiggere il Covid-19. Ha accettato pur non avendo alcun sintomo e nessuna patologia.

"Mi sento bene e sono motivata - ha detto ieri la Haller - devo andare a fare prelievi di sangue e farmi monitorare un paio di volte a settimana. Entro un mese ci sarà una seconda iniezione, poi diventerà un processo controllato a distanza che andrà avanti per 18 mesi prima dei risultati conclusivi".

Il video che la ritrae nello studio medico del "Kaiser Permanente Washington Research Institute" di Seattle è diventato subito virale facendo il giro del mondo. Al termine dell'iniezione, la signora Haller ha dichiarato di sentirsi bene ed essere felice per quello che aveva appena fatto. "Non sono pentita di questa scelta perchè sento che sto facendo qualche cosa di utile. Anche la mia famiglia ha approvato la mia scelta e mi appoggia. Le mie due figlie si sentono molto orgogliose per quello che sto facendo", ha detto alla stampa americana, sorridente, la Haller.

La donna non corre il rischio di venir contagiata perché, nel vaccino sperimentale che le hanno iniettato, non c' è traccia di Coronavirus, ma l' impegno per il completamento del programma è significativo. Dopo di lei, un ingegnere della Microsoft, Neal Browing, riceverà il vaccino come parte del primo gruppo di 4 persone.

Con loro, 45 volontari uomini e donne compresi nella fascia tra i 18 ed i 45 anni inizieranno la stessa procedura entro marzo. Il test, realizzato dal Kaiser Permanent Healt Research Insititute, potrebbe fornire risultati sensibili prima delle date stabilite (probabilmente alla fine dell'estate) mentre negli Stati Uniti ci sono decine di laboratori impegnati in una gara contro il tempo prima che il contagio diventi uno tsunami senza barriere.

Commenti

Grazie per il tuo commento