"Il film anti-Islam non doveva essere tolto da Youtube"

L'ingiunzione che blocca la visione del filmato - che nel 2012 provocò rivolte in Medioriente, dovrà essere cancellata

"Il film anti-Islam non doveva essere tolto da Youtube"

Il video anti-islam, girato negli Usa nel 2012 e che provocò disordini e violenze in tutto il Medio Oriente, oltre che minacce di morte agli attori, potrà essere visionato su Google e su YouTube. Lo ha stabilito la Corte d'appello di San Francisco, in California, esprimendosi a favore di Google nel caso riguardante i tentativi di far rimuovere il film "Innocence of Muslims" da YouTube. L'ingiunzione che blocca la visione del filmato dovrà essere cancellata.

A chiedere la rimozione del video da YouTube era stata un’attrice che aveva denunciato di essere stata ingannata dal regista sul reale contenuto del film, lamentando di essere oggetto di numerose minacce di morte. Il video, girato in California, descriveva il profeta Maometto come un impostore e un donnaiolo. Tra le proteste che si scatenarono in tutto il mondo arabo anche le violenze di Bengasi, nel corso delle quali si verificò l’assalto al consolato Usa che provocò la morte di quattro americani, tra cui l’ambasciatore in Libia Chris Stevens.

Commenti