Francia, gli attentati dal 1982 ad oggi

L'attacco alla chiesa è solo l'ultimo di una serie di attentati di cui la Francia è rimasta vittima negli ultimi anni

Un prete sgozzato e tre fedeli gravemente feriti. È questo il bilancio dell'attacco di questa mattina in una chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino Rouen nel nord della Francia, dove due uomini armati hanno fatto irruzione durante la messa predendo ostaggi. I due hanno gridato 'Allahu Akbar' e poco dopo lo Stato islamico ha rivendicato l'attacco. Questo a solo due settimane dall'attentato di Nizza, nella Francia meridionale, quando un camion ha travolto i passanti sulla Promenade des Anglais e l'autista ha sparato contro la folla prima di essere ucciso dalla polizia, uccidendo a sua volta decine di persone. Si tratta solo dell'ultimo di una serie di attentati di cui la Francia è rimasta vittima negli ultimi anni.

- 13 novembre 2015: diversi attacchi simultanei a Parigi (allo stadio Saint Denis, in diversi ristoranti e al Bataclan) provocano 130 morti, dei quali 89 solo all'interno del locale da concerti, e più di 300 feriti.

- 8 gennaio 2015: Amedy Coulibaly, jihadista legato allo Stato Islamico, apre il fuoco contro la polizia uccidendo una agente e ferendone un altro a sud di Parigi. Sempre Coulibaly il giorno dopo in un negozio kosher a Porte de Vincennes, a Parigi, uccide quattro ostaggi prima di essere abbattuto dalla polizia.

- 7 gennaio 2015: 12 vignettisti del settimanale satirico 'Charlie Hebdò vengono uccisi quando i fratelli Cherif e Said Kouachi assaltano la sede della rivista a Parigi.

- 19 marzo 2012: tre bambini e il papà di due di loro vengono uccisi durante un attacco ad una scuola ebraica di Tolosa. Il colpevole è la stessa persona che l'11 marzo aveva ucciso un paracadutista di origine nordafricana e il 15 marzo altri due paracadutisti, anche loro magrebini, a Montauban.

- 3 dicembre 1996: 4 morti e 93 feriti. E' il bilancio delle vittime di una bomba esplosa presso la stazione Port Royal della metropolitana di Parigi. L'attentato viene rivendicato da fondamentalisti algerini.

- 25 luglio 1995: un dispositivo costruito con una bombola di gas esplode nella stazione della metro di Saint Michel, a Parigi, uccidendo 8 persone e ferendone 117. L'attentato viene attribuito a fondamentalisti algerini.

- 17 settembre 1986: l'esplosione di una bomba nei grandi magazzini Tati di Parigi uccide 7 persone. L'azione viene rivendicata da un gruppo solidale con i prigionieri politici arabi e del Medioriente che già nei giorni precedenti aveva denunciato la propria responsabilità in altri 4 attacchi nella capitale francese che erano costati la vita a tre persone.

- 29 marzo 1985: sono 18 i feriti in seguito all'attacco in una sala di proiezione a Parigi nella quale si sta svolgendo un festival del cinema ebraico. L'attentato viene attribuito al movimento della Jihad islamica.

- 31 dicembre 1983: Una bomba nella stazione ferroviaria di Saint Charles a Marsiglia e un'altra su un treno ad alta velocità nei pressi di Drome costano la vita a cinque persone. La responsabilità viene addossata all'Organizzazione della lotta armata araba.

- 15 luglio 1983: 8 morti e 56 feriti in un attentato all'aeroporto parigino di Orly, perpetrato da un gruppo di armeni contro le linee aeree turche.

- 9 agosto 1982: un comando arabo uccide sei persone che stanno mangiando al ristorante Goldenberg nel quartiere ebraico di Parigi. - 29 marzo 1982: l'attacco ad un treno sulla linea Parigi-Tolosa provoca la morte di cinque persone. L'azione viene attribuita all'Organizzazione della lotta armata araba, legata al terrorista di origini venezuelane Ilich Ramirez, conosciuto come 'Carlos' e 'Sciacallo'.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.