"Violenze da richiedenti asilo" Merkel di nuovo sotto accusa

Le violenze sono state additate da diversi sindaci e dal sindacato della polizia tedesca come una conseguenza della “politica lassista” sviluppata finora dal governo Merkel in ambito migratorio

"Violenze da richiedenti asilo" Merkel di nuovo sotto accusa

La Germania è stata recentemente scossa da un nuovo episodio di violenze ad opera di migranti. Teatro dell’accaduto è stata una cittadina della Baviera.

Pochi giorni fa, un “branco di ragazzi palesemente ubriachi” ha “brutalmente aggredito e malmenato” alcuni passanti nel centro di Amberg. Secondo i media tedeschi, le vittime dell’assalto, circa una “dozzina”, avrebbero riportato “lesioni significative”, ma non sarebbero in pericolo di vita.

Subito dopo l’aggressione, la polizia bavarese si è messa sulle tracce dei responsabili, descritti dai testimoni dell’accaduto come “individui di origini arabe”. Di recente, le autorità di pubblica sicurezza hanno annunciato l’arresto di “quattro indiziati” con connotati corrispondenti a quelli evidenziati in tale identikit. I ragazzi fermati avrebbero “tra i 17 e i 19 anni di età” e sarebbero tutti “richiedenti asilo”. I loro Paesi di provenienza sarebbero la Siria, l’Afghanistan e l’Iran. I fermati sono stati immediatamente sottoposti a carcerazione preventiva, in attesa del processo per “lesioni gravi”.

Le violenze di Amberg hanno subito indotto il ministro dell’Interno federale, l’esponente Csu Horst Seehofer, a proporre una “stretta” nei confronti degli stranieri attualmente stanziati nel Paese. Il componente del governo Merkel ha infatti annunciato di volere sottoporre all’attenzione della cancelliera una disegno di legge che “acceleri le espulsioni” dei migranti “pericolosi per l’incolumità dei cittadini”. Relativamente alla sorte dei quattro individui arrestati dalla polizia bavarese, Seehofer ha promesso di “fare il possibile” affinché costoro, una volta condannati dalla magistratura tedesca, scontino le condanne “nelle carceri delle nazioni di origine”.

Nonostante la “tolleranza zero” promessa dal ministro federale ai danni degli immigrati “pericolosi”, diversi sindaci hanno iniziato ad attaccare duramente l’esecutivo di Berlino, responsabile di avere compreso “troppo tardi” i pericoli connessi all’immigrazione incontrollata. Proprio il primo cittadino di Amberg, teatro delle recenti violenze, si è rivelato uno dei più feroci critici della gestione dei flussi migratori attuata finora da Seehofer e dalla Merkel. Michael Cerny, collega di partito del ministro dell’Interno, ha infatti accusato il governo centrale di avere esercitato, negli ultimi anni, una vigilanza dei confini nazionali “estremamente blanda” e di avere fatto entrare nel Paese “gente che odia la Germania”.

Accuse di “lassismo” nei confronti delle autorità federali sono state mosse anche da Rainer Wendt, leader del sindacato della polizia. Costui ha rimproverato l’esecutivo di Berlino per non avere mai basato le politiche migratorie su una rigorosa valutazione dell’“adesione dei richiedenti asilo ai valori e alle tradizioni del popolo tedesco”.