Hannah, transgender e capitano nell'esercito di Sua Maestà

A 27 anni è la prima persona transessuale a vestire i gradi. "Sul lavoro non è cambiato nulla. Ma ho smesso di fingere"

La decisione l'ha maturata mentre era al fronte in Afghanistan. Vivere con altri sette uomini in una tenda nel deserto, "stipati uno contro l'altro", ha aiutato il capitano Hannah Winterbourne, in forza nell'esercito di Sua Maestà britannica, a convincersi definitivamente che la sua identità maschile non la rappresentava.

"Vivevo nella finzione senza tregua - ha raccontato in un'intervista concessa al tabloid The Sun -. Sognavo il giorno in cui mi sarei potuta davvero sentire libera". Così la 27enne ufficiale ha deciso di cambiare sesso, sicura da quando di anni ne aveva soltanto 23 che il suo "corpo era sbagliato".

Soltanto al ritorno dall'Afghanistan la Winterbourne si è convinta a iniziare una serie di interventi per cambiare sesso, che ha concluso circa un anno fa. "Non è stato facile trovare il coraggio - ha raccontato -. Da allora la gente mi tratta come una ragazza e questo mi fa sentire sicura di me".

Dal punto di vista professionale è invece cambiato poco. "L'esercito si è mostrato progressista e di ampie vedute" e il capitano, che nelle forze armate è da quando, a 15 anni, iniziò a frequentare un college militare, per poi laurearsi in Ingegneria, intende fare ancora carriera prima del congedo.

Dal 1999 l'esercito di Sua Maestà ha aperto le porte anche alle persone transessuali. La Winterbourne, che al momento è in servizio con i Royal Electrical and Mechanical Engineers, è però la prima a vestire i gradi di capitano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 19/01/2015 - 17:44

l'esercito britannico ha dato un nuovo significato al termine ''disarmare il nemico''