Mondo

"Indagato il suo rabbino": cosa rischia adesso Abramovich

Il rabbino portoghese che ha valutato la richiesta di cittadinanza è stato arrestato per riciclaggio, corruzione e frode. Il patron del Chelsea rischia di perdere il suo status di cittadino

"Indagato il suo rabbino": cosa rischia adesso Abramovich

Nuova tegola per il miliardario russo Roman Abramovich, fino a pochi giorni fa proprietario del Chelsea. Daniel Litvak, il rabbino che ha aiutato l'oligarca (nato nella città russa di Saratov 55 anni fa) a ottenere la cittadinanza del Portogallo, è stato arrestato con l'accusa di riciclaggio di denaro, corruzione, frode e falsificazione di documenti nell'ambito di questi procedimenti burocratici. E Abramovich rischia di perdere il titolo di cittadino del paese iberico.

Al centro delle indagini delle autorità portoghesi sono una serie di concessioni di cittadinanza rilasciate ai discendenti di ebrei sefarditi (ovvero ebrei che abitavano nella penisola iberica), tra cui l'ex patron del club londinese di calcio. Abramovich, infatti, ha ottenuto la cittadinanza portoghese nell'aprile del 2021 in base a una legge che garantiva la naturalizzazione ai discendenti degli ebrei vissuti in Spagna e Portogallo ed espulsi alla fine del XV secolo per volere di Ferdinando d'Aragona e Isabella di Castiglia. Chiunque richieda la cittadinanza portoghese attraverso questo percorso viene sottoposto a una valutazione, condotta da alcuni esperti delle comunità ebraiche di Porto o Lisbona e basata su approfondite verifiche genealogiche. Litvak è il rabbino della comunità di Porto ed era stato lui a valutare la richiesta del paperone russo, nato da una famiglia di origini ebraiche. Litvak è stato fermato mentre stava partendo per Israele: ha dovuto consegnare il proprio passaporto ed è stato sottoposto all'obbligo di presentarsi se convocato dalla polizia.

La comunità ebraica della città portoghese ha respinto le accuse e ha affermato di essere oggetto di una "campagna diffamatoria". Eppure l'inchiesta procede da alcune settimane - almeno da gennaio - e una fonte del governo portoghese, interrogata dall'agenzia inglese Reuters, ha detto che ad Abramovich "potrebbe essere revocata la cittadinanza a seconda dell'esito dell'indagine". L'oligarca è uno dei sette miliardari russi colpiti dalle nuove sanzioni imposte dall'Occidente: i suoi beni sono stati congelati e gli sono stati vietati alcuni spostamenti. All'inizio di marzo ha ceduto la gestione del Chelsea Football club a una fondazione, diciannove anni dopo aver acquistato la squadra.

Commenti