Indonesia, uno tsunami fa 222 morti e 843 feriti

Uno tsunami si abbatte sull'Indonesia provocando un'ecatombe. Colpite soprattutto le zone turistiche. Il governo: "Verificheremo il disastro"

Uno tsunami devastante ha colpito la costa attorno allo stretto della Sonda, tra le isole indonesiane di Giava e Sumatra. Il bilancio è tragico ed è destinato a salire: le prime stime parlano di 222 morti e almeno 843 feriti. Lo ha fatto sapere il portavoce dell'Agenzia indonesiana per la gestione dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho. Le onde hanno raggiunto anche i 20 metri di altezza e hanno portato via tutto: case, automobili e, soprattutto, vite.

Secondo le prime informazioni, a provocare lo tsunami sarebbe stata una serie di frane sottomarine seguite a un'eruzione dell'Anak Krakatau, un'isola vulcanica formata dal vulcano Krakatau Child. Solamente due mesi fa, un altro maremoto aveva colpito l'Indonesia provocando la morte di oltre mille persone.

Le vittime dello tsunami

L'area maggiormente colpita dallo tsunami è stata quella della provincia di Banten, dove 126 persone sono rimaste uccise. L'eruzione del vulcano Krakatau Child, che ha innescato il maremoto, ha danneggiato 556 case, nove hotel, 350 barche e 60 chioschi di gastronomia lungo le coste, secondo quanto ha fatto sapere l'Agenzia governativa indonesiana.

Il distretto più devastato è quello di Pandeglang, sempre nella provincia di Banten. Qui le onde si sono infrante contro diverse zone residenziali e contro numerose zone turistiche situate lungo la costa, dove sono presenti importanti alberghi. Ed è stato questo uno dei fattori che ha provocato l'alto numero di vittime. Ha infatti spiegato Sutopo Purwo Nugroho, portavoce dell'Agenzia indonesiana per la gestione dei disastri: "Quando si è verificata la tragedia, molte persone si trovavano in vacanza nelle zone costiere di Pandeglang. Ora si prepara una ricognizione aerea per la verifica del disastro". La Farnesina ha attivato un'unità di crisi per seguire i connazionali sul posto.

Un muro d'acqua sulla festa

Quella che doveva essere una festa si è trasformata in un incubo. La furia dello tsunami si è infatti abbattuta contro gli impiegati della compagnia statale Pln, riuniti per celebrare la fine dell'anno. Un video postato sui social mostra quei tragici momenti.

Un muro d'acqua si abbatte sulla band - il gruppo pop Seventeen - e inghiotte tutto. Il bassista è rimasto ucciso insieme al manager e non si hanno informazioni su altri quattro membri della band. Alla festa partecipavano all'incirca 260 persone. In un comunicato diffuso da Cnn Indonesia, il gruppo afferma: "L'acqua ha spazzato via il palco, che era molto vicino al mare. Abbiamo perso i nostri cari".

L'appello del Papa

Durante l'Angelus, papa Francesco ha rivolto la sua attenzione al dramma che ha colpito l'Indonesia: "Il mio pensiero va, in questo momento, alle popolazioni dell'Indonesia, colpite da violente calamità naturali, che hanno causato gravi perdite in vite umane, numerosi dispersi e senzatetto e ingenti danni materiali. Invito tutti ad unirsi a me nella preghiera per le vittime e i loro cari. Sono spiritualmente vicino - ha aggiunto prima di invitare la folla a recitare l'Ave Maria - agli sfollati e a tutte le persone provate, implorando da Dio sollievo nella loro sofferenza. Faccio appello perchè non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunità Internazionale".

Cosa ha causato lo tsunami?

Molti, in Indonesia, si stanno interrogando su cosa abbia causato il maremoto. Anche perché, come riporta il Jakarta Post, inizialmente l'innalzamento delle onde era stato classificato dall'Agenzia di meterologia, climatologia e geofisica (Bmkg) come una semplice alta marea. Ma così non è stato. Poche ore dopo questo annuncio, il mare si era già innalzato di tre metri. Solamente a questo punto si è compreso che l'eruzione dell'Anak Krakatau avrebbe potuto provocare uno tsunami: "Alle 21:03 il Krakatau ha eruttato di nuovo e ha danneggiato i sismometri vicini, ma la stazione sismica di Sertung ha registrato tremori continui".

In un comunicato stampa diffuso dall'Agenzia si legge: "Per innescare uno tsunami così grande, ci deve essere una massiccia frana che cade nel mare (...) e che richiede una grande quantità di energia, che non è stata rilevata dai sismografi nei posti di osservazione vulcanici". Non è quindi ancora chiaro cosa abbia determinato lo tsunami.

L'esperto di maremoti, Ahmad Muhari, ha però avanzato due ipotesi, rilanciate dal Jakarta Post: Lo tsunami, secondo l'esperto, potrebbe esser stato causato da una frana causata dall'eruzione dell'Anak Krakatau o da un improvviso cambiamento delle condizioni metereologiche.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Dom, 23/12/2018 - 10:09

aspettiamo un tweet del Sboldrin Team che ne attribuisca le responsabilita' a Salvini

arkangel72

Dom, 23/12/2018 - 10:15

Altra scusa per le ONG di arraffare soldi in Italia!!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 23/12/2018 - 11:33

ospitiamo tutti gli indonesiani superstiti in Italia? NOOOO è meglio i giovani musulmani pagati d a voi.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 23/12/2018 - 11:33

pagati e mantenuti da voi.

agosvac

Dom, 23/12/2018 - 12:20

Egregio francesco da Treviri, fare lo spiritoso su più di 200 morti è da crucchi non da italiani!

cgf

Dom, 23/12/2018 - 12:28

Se avessero creduto meno al Prof&Tino si sarebbero accorti che un'alta marea di tre metri in quel punto è piuttosto anomala. La frana poi non è stata registrata/segnalata? Magari si, ma come nel 2004 gli avvisi sono stati ignorati, per credo proprio sono fatalisti, sebbene sia provato che l'ignoranza 'aiuta' spesso e volentieri il destino, continuano a 'perseverare'.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Dom, 23/12/2018 - 12:40

il papa dice:non dimentichiamo la solidarieta'...quindi,quanto ha gia' messo in campo il vaticano?? uno degli stati piu' ricchi al mondo,dara' il buon esempio....

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 23/12/2018 - 13:19

....Quindi l'"allarme tsunami",non è scattato!@cgf:concordo!

Gianni11

Dom, 23/12/2018 - 13:22

Dove stanno i buonisti? Far venire subito tutta l'Indonesia in Italia secondo il Global Compact. Hanno "diritto"! Sono solo qualche centinaia di milioni!

Hoffman

Dom, 23/12/2018 - 13:31

e chi se ne frega?????????????????????

Tobi

Dom, 23/12/2018 - 13:52

Gli tsunami possono anche essere causati da esplosioni nucleari sottomarine. Mi pare che solo pochissimi mesi fa l'Indonesia sia stata colipta da un altro tsunami. Ricordiamo anche che l'Indonesia era in procinto di acquistare il sistema antimissile S-400 dalla Russia e che però dopo il precedente tsunami stava forse facendo dietro-front. Ciò suggerirebbe che siano messe in atto tecniche (diaboliche) di dissuasione da chi non vuole che le Nazioni si alleino con la Russia (considerato il nemico numero uno dagli U.S.A.). A pensar male spesso ci si azzecca diceva Andreotti.

georgi

Dom, 23/12/2018 - 14:20

sono quelli che perseguitano i cristiani? ma che bel regalino!!! sara un caso che è successo il 23 dicembre?

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 23/12/2018 - 16:20

Allah non li ha protetti.

baronemanfredri...

Dom, 23/12/2018 - 18:07

MOSHE ALLAH ERA IMPEGNATO A BERE WHISKY E BIRRA DOPO AVER MANGIATO TANTA SALSICCIA DI MAIALI NERI DEI NEBRODI

situsbola88

Gio, 28/11/2019 - 03:29

I like to read this site... Let's pray for them...