Inviava messaggini a 16enne: ministro scozzese si dimette

Derek Mackay, promessa del partito indipendentista scozzese, si è dimesso in seguito allo scandalo dei 270 messaggi inviati a un ragazzo di 16 anni

Inviava messaggini a 16enne: ministro scozzese si dimette

Scandalo in Scozia: il ministro delle Finanze, Derek Mackay, è stato costretto a dimettersi dopo che il quotidiano Scottish Sud ha rivelato alcuni messaggi ambigui mandati dal politico a un ragazzo di 16 anni. "Ho agito stupidamente", ha ammesso Derek Mackay, scusandosi "senza riserve" e annunciando il suo passo indietro nel giorno della manovra di bilancio.

Secondo quanto riportato dal giornale scozzese, il ministro avrebbe inviato numerosi messaggi di corteggiamento al ragazzino su Facebook e Instagram. Dallo scorso agosto, il politico 42enne avrebbe avuto contatti con l'adolescente in 270 occasioni: nei messaggi lo avrebbe invitato a cena e anche ad una partita di rugby.

Dopo che la stampa locale ha portato alla luce lo scambio di messaggi con il 16enne, Derek Mackay si è subito scusato con il ragazzo e la sua famiglia, assumendosi la responsabilità di quanto successo. Poi ha deciso di lasciare il suo incarico da ministro. "Derek ha dato un contributo notevole al nostro governo, ma il suo comportamento è stato al di sotto degli standard richiesti", ha dichiarato la prima ministra indipendentista Nicola Sturgeon, come riporta il Messaggero. "È un bruttissimo colpo", hanno commentato i Conservatori unionisti, fedeli al governo centrale britannico di Boris Johnson.

Oltre 200, secondo la stampa scozzese, i contatti tra l'ex ministro e l'adolescente. L'ultimo messaggio sarebbe stato inviato all'inizio di questa settimana. Negli scambi sui social, il 42enne avrebbe chiesto al minorenne di andare a cena insieme e una partita di rugby, di mantenere "il loro segreto", e fatto diversi complimenti. Il giovane avrebbe ribattuto più volte affermando di "non provare nulla". Secondo quanto riporta la BBC, sarebbe stata la madre del 16enne a denunciare il tutto e chiedere alle forze dell'ordine di aprire un'indagine.

Nel 2013, Derek Mackay annunciò pubblicamente la propria omosessualità. Il politico scozzese, che ha due figli e convive con il proprio partner, è uno degli esponenti più in vista dello Scottish National Party. Secondo gli esperti, sarebbe diventato il prossimo first minister, dopo Nicola Sturgeon. Oggi invece la decisione di uscire dalla scena politica del Paese. "Ho parlato ieri sera con il primo ministro e ho rassegnato le dimissioni con effetto immediato - ha dichiarato Mackay -. Servire il governo è stato un enorme privilegio e mi dispiace di aver deluso colleghi e sostenitori".