"Irritante", "Deludente". Altissima tensione tra Zelensky e l'Europa

Il presidente ucraino prima rifiuta la visita del presidente tedesco, poi sferza la Francia di Macron e chiede posizioni più nette contro la Russia

"Irritante", "Deludente". Altissima tensione tra Zelensky e l'Europa

Da un mese e mezzo l'Ucraina è caduta vittima dell'invasione russa. Da quel momento l'Europa ha fornito al presidente Zelensky il necessario sostegno per supportare la resistenza, nonostante l'Ucraina abbia sempre chiesto all'Occidente un impegno maggiore, in più occasioni con l'esplicita richiesta di intervento diretto nel conflitto. In queste ore la tensione tra l'Europa e l'Ucraina è ulteriormente cresciuta ed emergono nuove acredini tra Francia, Germania e Ucraina.

Il ministero degli Affari esteri dell'Ucraina nelle ultime ore ha espresso la propria delusione dopo che il presidente francese Emmanuel Macron non ha usato la parola "genocidio" nel corso del suo discorso per definire quanto fatto dagli occupanti russi. A riferire le parole del ministro è stato il portavoce Oleg Nikolenko, citato da Unian, che non ha utilizzato mezzi termini per stigmatizzare l'atteggiamento francese, ritenuto troppo morbido nei confronti dei russi: "La riluttanza del presidente francese a riconoscere il genocidio degli ucraini dopo tutte le dichiarazioni esplicite della leadership russa e le azioni criminali dell'esercito russo è deludente".

Le parole del ministero degli Affari esteri contro la Francia arrivano dopo la presa di posizione di Kiev contro il presidente della Federazione tedesca Frank-Walter Steinmeier, che si sarebbe dovuto recare a Kiev nelle prossime ore. Tuttavia, l'Ucraina si è rifiutata di ricevere l'omologo tedesco di Zelensky poiché si aspetta misure più serie dalla Germania contro la Russia. Questa è stata la giustificazione dell'ufficio di presidenza ucraino, che ha inevitabilmente irrigidito i rapporti tra con la Germania, che tra i Paesi europei è uno di quelli che sta fornendo maggior supporto per gli armamenti alla resistenza di Zelensky.

La decisione del presidente ucraino di non ricevere il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha causato "irritazione" nel governo federale. Lo ha dichiarato esplicitamente il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, alla radio pubblica Rbb. Le parole di Scholz sono arrivate dopo che da Kiev è arrivato per lui l'invito di recarsi in visita per incontrare Zelensky in modo tale da poter discutere in modo diretto di forniture di armi con il capo dell'esecutivo.

Tuttavia, a seguito del blocco del presidente della Federazione, Scholz ha spiegato in radio di non avere al momento in programma di recarsi nella capitale ucraina. Steinmeier oggi avrebbe dovuto partecipare a una visita di solidarietà congiunta con i capi di Stato di Polonia, Estonia, Lettoni e Lituania. È probabile che alla base della decisione di Zelensky di non riceverlo ci sia il fatto che Steinmeier venga considerato come il principale artefice dell'avvicinamento di Berlino a Mosca. Tuttavia, dopo l'invasione russa dell'Ucraina, ha fatto autocritica e ha affermato di aver compiuto degli errori in passato nell'approccio con il Cremlino.

Commenti