John Delaney è il primo sfidante di Donald Trump alle elezioni del 2020

''La mia attenzione sarà sul preparare gli Stati Uniti al futuro. L'innovazione tecnologica, l'automazione e la globalizzazione sono le forze più potenti nel mondo di oggi'', ha scritto nel suo editoriale

John Delaney è il primo sfidante di Donald Trump alle elezioni del 2020

Donald Trump ha già uno sfidante per le elezioni del 2020. La strada è ancora lunga e, se nulla cambia, le prossime elezioni presidenziali americane si terranno solo tra tre anni, ma con un editoriale sul quotidiano statunitense Washington Post, il democratico John Delaney si è candidato alla presidenza degli Stati Uniti. ''La mia visione per il paese si basa sul mio "American Dream'' ha detto Delaney, illustrando la sua agenda.

''La mia attenzione sarà sul preparare gli Stati Uniti al futuro. L'innovazione tecnologica, l'automazione e la globalizzazione sono le forze più potenti nel mondo di oggi'': si tratta di forze che finora sono state positiva ma che - ammette Delaney - elimineranno posti di lavoro e richiederanno nuove capacità ai lavoratori. Dobbiamo rispondere a queste opportunitàcon una nuova prospettiva'', ha detto il democratico.

John è membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Maryland. Entra in politica con il Partito Democratico e nel 2012 si candidò alla Camera dei Rappresentanti contro il deputato repubblicano in carica da vent'anni Roscoe Bartlett. Il distretto era stato ridefinito in occasione delle elezioni e la sua composizione era variata in favore di un elettorato più vicino ai democratici; Bartlett, che era un noto conservatore, venne facilmente sconfitto da Delaney, che divenne così deputato.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti