L'Australia mette in quarantena su un'"isola remota" i rimpatriati da Wuhan

La scelta di Canberra di mettere in quarantena a Christmas Island gli australiani rientranti in patria da Wuhan è stata subito contestata

Non si placano le polemiche in Australia dopo che il governo ha deciso di trattenere in un centro di detenzione per clandestini” situato su un’isola remota” i connazionali che rientreranno in patria dalla Cina, focolaio dell’epidemia di coronavirus.

Il piano delle autorità di Canberra per scongiurare il propagarsi del morbo, svelato ai media locali giovedì e citato dalla Bbc, prevede appunto il confinamento precauzionale, per due settimane, dei passeggeri rientranti da Wuhan in una struttura per migranti ubicata a Christmas Island, nell’Oceano Indiano, riaperta lo scorso anno dopo essere stata momentaneamente chiusa dall’esecutivo nel 2018.

Tale centro, ricorda l’emittente, è stato più volte condannato dall’Onu per e dalle ong umanitarie per le drammatiche condizioni di detenzione lì imposte ai richiedenti asilo.

Su Christmas Island, lontana 2600 chilometri dal territorio australiano, verranno trasferite, non appena atterreranno negli aeroporti del Paese provenendo dalla Cina, tutti i passeggeri che avranno aderito al piano di rimpatrio messo a punto da Canberra.

In base a tale strategia statale, i cittadini della nazione del Commonwealth che accetteranno l’invito del governo a rientrare, fa sapere il network, dovranno provvedere a spese proprie a organizzare il proprio ritorno a casa, pagando mille dollari per il volo che li riaccompagnerà nella terra dei canguri e venendo subito traferiti sull’isola remota non appena atterreranno negli aeroporti federali.

Secondo l’organo di informazione londinese, sarebbero già 600 gli individui, per lo più cittadini australiani di etnia cinese, che hanno accettato le condizioni dell’esecutivo Morrison.

La quarantena a Christmas Island per chi metterà piede in Australia provenendo da Wuhan è stata presentata dalle autorità come la migliore soluzione che poteva essere pensata in tempi così ristretti.

A difesa del piano di rimpatrio ideato dal governo si è subito schierato il ministro dell’Interno Peter Dutton, che, sempre giovedì, ha giustificato con queste parole, riprese dalla Bbc, la scelta di impiegare, per sottoporre a visite mediche chi tornerà dalla Cina, un centro per clandestini: “Non era possibile attrezzare per l’emergenza un intero ospedale di Sydney, di Melbourne o di Brisbane. Non ho a disposizione un’altra struttura che possa essere rapidamente adeguata ad accogliere centinaia di ospiti, mentre Christmas Island è stata costruita apposta per gestire grandi flussi di persone”.

L’amministrazione Morrison ha poi comunicato venerdì alla stampa nazionale, riferisce l’emittente d’Oltremanica, che al centro di detenzione per clandestini, per effettuare analisi cliniche sui cittadini provenienti da Wuhan, verrà inviato personale sanitario a sufficienza, tra cui 24 dottori, allestendo lì un vero e proprio piccolo ospedale.

Lo stesso esecutivo ha contestualmente dichiarato, puntualizza l’organo di informazione, che il proprio piano di rimpatrio degli australiani presenti in Cina, incentrato sulla quarantena a Christmas Island, sarebbe stato elaborato seguendo le raccomandazioni delle associazioni nazionali dei medici.

Il sindacato federale dei camici bianchi, tuttavia, ha immediatamente smentito quest’ultima affermazione del governo, rivolgendo allo stesso tempo feroci critiche alla strategia anti-coronavirus annunciata dalle istituzioni di Canberra.

L’Australian Medical Association, per bocca del suo presidente Tony Bartone, ha appunto, rimarca il network, tuonato contro le autorità: “La categoria che io rappresento sostiene che l’isolamento a Christmas Island, ossia un posto che ha finora riservato enorme angoscia e profondi traumi fisici e mentali agli individui lì trattenuti, non è affatto una soluzione appropriata”.

L’idea dell’esecutivo è stata condannata anche da molti australiani di origine asiatica che, a Wuhan, attendono di tornare nella terra dei canguri proprio in applicazione del programma federale di rientro incriminato. Tali voci critiche, raccolte sempre dalla Bbc, bollano come discriminatoria la scelta dell’amministrazione Morrison di trasferire centinaia di persone “non bianche” su un’isola remota.

La valenza quasi-razzista della mossa del governo di Canberra è stata denunciata anche da Tim Soutphommasane, ex commissario governativo per la Lotta alle Discriminazioni etniche, che, riporta il medesimo organo di informazione britannico, si è scagliato contro il piano anti-coronavirus predisposto dalle istituzioni del Paese del Commonwealth affermando: “Certo, la situazione sanitaria presenta rischi enormi, ma i cittadini australiani meritano di meglio dal proprio esecutivo”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 31/01/2020 - 09:52

...politicamente incorretti,ma pragmaticamente efficaci(al contrario dei "nostri" e della stragrande maggioranza di "italiani" votanti e del 25% di non votanti "chissenefrega"!)

tremendo2

Ven, 31/01/2020 - 09:53

niente da fare. La lotta alle discriminazioni vuole il contagio per non fare discriminazioni.

Giorgio Rubiu

Ven, 31/01/2020 - 10:34

L'Istituto di Detenzione di Christmas Island non era destinato ai migranti clandestini richiedenti asilo. Era una prigione! Ma non si pensi alle prigioni brutali e sovraffollati del Sud Est Asiatico (Indonesia, Thailandia, Vietnam, Birmania ecc.). L'Australia è un Paese civile dove i prigionieri sono trattenuti ma in celle decenti, con pasti decenti, cure mediche, seppure limitate, all'interno della struttura e immediato trasporto in strutture ospedaliere adeguate a seconda della gravità dei casi. Christmas Island è il posto ideale per una quarantena di 15 giorni. Attrezzata adeguatamente per vitto e alloggio e senza bisogno di restrizioni confinarie. Posta a 2500 Km dalla terraferma, rende impossibile qualunque progetto di evasione e, in questo caso, il prigioniero è IL VIRUS, non l'individuo infetto o portatore!

cabass

Ven, 31/01/2020 - 11:12

In Australia lo chiamano "detention centre" e centro di detenzione è anche nei fatti, mentre da noi il pensiero catto-comu-buonista ci impone di chiamarli "centri di accoglienza", ovvero posti dove vivere a sbafo della collettività... Altro emisfero, altra mentalità (più sana, direi).

gianf54

Ven, 31/01/2020 - 11:24

Conte: have You ever seen Australia?

jaguar

Ven, 31/01/2020 - 11:38

Gli australiani non si creano problemi, giustamente.

maxmado

Ven, 31/01/2020 - 12:43

Beh, mica fessi 'sti Australiani, noi invece i rimpatriati li faremo andare in giro a Milano, Roma, Firenze …

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 31/01/2020 - 12:44

Ecco come si fanno le cose. Gli australiani se ne fregano dell'Onu, di Amnesty e di altre paccottiglie. Così come se ne fregano di fermare tutti i clandestini indocinesi, da decenni, con la forza. Non hanno pagliacci politicamente corretti al governo.

tormalinaner

Ven, 31/01/2020 - 12:50

Dovremmo fare così anche noi con gli immigrati.

GianniGianni

Ven, 31/01/2020 - 13:08

Ma quelli che commentano qui quale parte di "australiani rientranti in patria" e "connazionali che rientreranno in patria dalla Cina" e "cittadini australiani di etnia cinese" non hanno capito? Perché i commenti sono tutti relativi a clandestini, migranti e compagnia cantante?

Ritratto di computerinside

computerinside

Ven, 31/01/2020 - 13:14

Bravi! Bisognerebbe imitarli.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 31/01/2020 - 13:18

Peccato che noi un'isola a 2500 miglia di distanza NON ce l'abbiamo. Ma se anche l'avessimo, abbiamo i KOMUNISTI che NON ce la lascierebbero USARE!!!! AUGH.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 31/01/2020 - 15:24

GianniGianni, si commentano i fatti citando la parola "clandestini" che può suonare inappropriata in questo contesto, perché il problema è di METODO. Il metodo è che IN PRIMIS viene la sicurezza della PROPRIA NAZIONE, in TUTTI I CASI, non quella delle "minoranze", come accade solo in Italia e in altri paesi politicamente corretti. Quando si adotta un metodo e lo si persegue con chiarezza, non si è mai impreparati ad alcuna emergenza.

Ilsabbatico

Ven, 31/01/2020 - 15:26

Loro utilizzano queste isole per qualsiasi immigrato. Tutti i clandestini finiscono qui in attesa di rimpatrio...praticamente come noi!! Ahahahahahaha