Dopo l'Italia anche Malta chiude i porti ai migranti: "Non c'è sicurezza"

La decisione delle autorità maltesi è stata comunicata alla Commissione europea. Nella notte sono sbarcati a Malta altri 70 migranti, mentre oltre mille stranieri sono in quarantena sull'isola dopo 8 casi di contagio nel centro d'accoglienza

La Valletta come Roma. Anche Malta chiude i porti ai migranti.

In una lettera a Bruxelles il governo del premier Robert Abela ha fatto sapere che "attualmente non è possibile garantire la disponibilità di un ‘luogo sicuro’ sul territorio maltese, senza compromettere l'efficienza/funzionalità delle strutture sanitarie, logistiche e di sicurezza nazionali, che sono dedicate a limitare la diffusione della malattia, così come a fornire assistenza e cura ai pazienti di Covid-19".

Alle prese con l’epidemia di coronavirus, "le autorità maltesi non sono in grado di assicurare il salvataggio degli immigrati a bordo di barche, navi o altre imbarcazioni, né la disponibilità di un luogo sicuro sul territorio maltese per le persone salvate in mare", si legge nella missiva inoltrata alla Commissione europea. I 66 stranieri sbarcati ieri sera alle 22.30, quindi, saranno gli ultimi a mettere piede sull’isola, almeno finché non sarà cessata l’emergenza sanitaria.

La presenza dei naufraghi al largo di Malta era stata segnalata nella giornata di ieri da due Ong, Sea Watch e Alarm Phone. Entrambe avevano denunciato su Twitter di aver appreso dal racconto dei migranti che una motovedetta maltese avrebbe "reciso il cavo del motore dell'imbarcazione lasciandoli alla deriva". In serata il gruppo è stato trasportato sulla terraferma, ma, accusa Alarm Phone, il salvataggio sarebbe avvenuto "circa 41 ore dopo il primo allarme".

"Chiediamo a Malta di fermare la non assistenza e gli attacchi alle persone in difficoltà", avevano scritto gli attivisti sui social, invitando le autorità dell’isola a "non usare il Covid-19 come scusa per violare i diritti umani fondamentali". Sono 350 in totale finora i cittadini maltesi risultati positivi al coronavirus. Tredici nuovi casi sono stati registrati nelle ultime ore. Oltre a quattro operatori sanitari degli ospedali di Gozo, Zammit Clapp e Karen Grech, e un’anziana di 88 anni ricoverata in una casa di cura, tra i positivi ci sono anche otto migranti del centro di Hal Far.

Per questo nei giorni scorsi gli oltre mille ospiti del villaggio sono stati messi in quarantena. Per contenere la diffusione del virus nelle scorse settimane Malta ha disposto la chiusura degli aeroporti e, analogamente agli altri Stati europei, una serie di misure di limitazione delle libertà personali. Poi, dopo il decreto del governo italiano, anche La Valletta ha deciso di interdire l’accesso ai rifugiati nei porti dell’isola.

Resta il nodo della Alan Kurdi. La nave della Ong tedesca Sea Eye da cinque giorni è ferma al largo delle coste siciliane con 150 migranti a bordo. Uno dei profughi soccorsi è stato evacuato stanotte dalla Guardia Costiera italiana per motivi di salute. La situazione, fa sapere l’equipaggio, si sta facendo via via più tesa. "Abbiamo bisogno di cibo entro le prossime 48 ore", ha detto il capitano della nave Barbel Beuse. Ma, riferiscono dalla Ong, l’appello al Centro di Coordinamento per il Soccorso in Mare (Mrcc) di Roma per chiedere viveri, medicinali e carburante è stato rifiutato.

Il motivo, comunica Sea Eye, è che "a Lampedusa e Linosa non ci sono imbarcazioni disponibili per questo tipo di trasporto". Richiesta respinta, manco a dirlo, anche dal governo maltese. Ora la nave sta puntando verso la Sicilia nord-occidentale per ripararsi in vista delle avverse condizioni meteo che si prevedono per i prossimi giorni. Le autorità tedesche, che seguono gli sviluppi della vicenda, si legge in una nota diramata dalla stessa Ong, sono state già informate della decisione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

razzaumana

Ven, 10/04/2020 - 16:45

... a ciò che dice Malta,si può anche credere...PORTI CHIUSI... a ciò che dice l'Italia,paese di quaqquaraqà...ho "FORTISSIMI" dubbi.Anzi ho la certezza che alla fine la Alan Kurdi sbarcherà sul nostro territorio...(come al solito)

dafisio

Ven, 10/04/2020 - 17:27

Strano che il governo italiano neghi rifornimenti alla Alan Kurdi: una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo aveva stabilito (già all'epoca del precedente governo) che l'Italia non era tenuta a far sbarcare i clandestini ma solo a fornire assistenza. E' significativo che, nel caso di Salvini, la magistratura abbia bellamente ignorato questa sentenza, mentre l'attuale governo comunistoide non ottempera neppure alla sentenza.

Malacappa

Ven, 10/04/2020 - 17:31

Malta lo fara'del resto quando mai sono stati aperti

giancristi

Ven, 10/04/2020 - 18:06

Muoiono gli italiani a migliaia e noi dovremmo accogliere clandestini, per di più contagiati dal virus! Vadano al diavolo. Bisogna riportarli a casa loro.

bernardo47

Ven, 10/04/2020 - 18:08

ottima cosa! era ora! bloccare del tutto ingressi via mare!troppo rischioso per il paese e per italiani!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 10/04/2020 - 18:26

EVVAI,che si chiudano TUTTI i porti,uno dopo l'altro,con effetto domino...

QuasarX

Ven, 10/04/2020 - 19:17

via dall'europa e cominciamo a chiarire un po' di cose con la germania a partire dalla alan kurdi

bernardo47

Ven, 10/04/2020 - 19:18

era ora!

snow.white

Ven, 10/04/2020 - 19:47

Ma gli scafisti e trafficanti di essere umani travestiti da buonisti sono immuni al virus?