L'ultimo schiaffo di Erdogan: invita il Papa alla riconversione di Santa Sofia

Papa Francesco è nella lista degli invitati alla cerimonia di riconversione in moschea della basilica-museo di Santa Sofia ad Istanbul a cui parteciperanno circa 1.500 persone. No comment dal Vaticano

C’è anche Papa Francesco nella lista dei leader mondiali invitati ad assistere alla cerimonia con cui venerdì prossimo ad Istanbul la basilica di Santa Sofia verrà riconvertita in moschea. Lo ha annunciato ieri il portavoce del presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, Ibrahim Kalin, alla Cnn Turk. Un gesto, quello del governo di Ankara, che sa di beffa.

"Sto pensando ad Istanbul, sto pensando a Santa Sofia e sono molto addolorato", aveva detto, infatti, il pontefice dalla finestra del Palazzo Apostolico lo scorso 12 luglio, dopo l’annuncio della trasformazione della chiesa bizantina in moschea, raccogliendo il grido di dolore dei patriarchi ortodossi. La decisione di Erdogan"deluderebbe milioni di cristiani nel mondo", aveva avvertito già all'inizio di luglio il patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I. Quella basilica è "un simbolo della Chiesa universale" e non può diventare "una causa di confronto e conflitto", è la tesi dei capi delle chiese ortodosse.

Dal Vaticano, per ora, nessuno commenta la notizia. Ma il fatto che Francesco non sarà ad Istanbul venerdì prossimo appare scontato. Le polemiche sulla decisione del presidente turco, infatti, non si fermano. Ieri la Conferenza Episcopale americana, assieme all’arcidiocesi greco-ortodossa americana, ha indetto per venerdì prossimo una giornata di "lutto" e preghiera per chiedere che Santa Sofia torni ad essere un luogo di "riflessione, incontro e dialogo per gente di tutte le fedi e le culture".

Nella stessa giornata la presidente greca, Katerina Sakellaropoulou, ha chiamato il Papa per chiedergli di spingere la comunità internazionale a condannare in modo "esplicito ed inequivocabile" la decisione di Erdogan e spingere la leadership turca a fare un passo indietro e mantenere lo status che il monumento ha acquisito negli anni ’30, quando Atatürk lo trasformò in un museo. Il colpo di mano di Ankara "danneggia profondamente coloro che considerano questo simbolo superiore del cristianesimo come appartenente all'umanità e al patrimonio culturale mondiale e distoglie la Turchia dai valori dello stato secolare e dai principi di tolleranza e pluralismo", ha detto Sakellaropoulou a Papa Francesco.

A criticare la scelta della leadership turca sono anche alcuni teologi "kemalisti", i quali sostengono che "il tentativo di riconsegnare ai culto islamico il tempio costruito da cristiani ortodossi offenderà i non musulmani e ridarà slancio all'islamofobia e all'odio contro l'islam". I preparativi per le celebrazioni del 24 luglio però vanno avanti a spron battuto. A presiedere la cerimonia di venerdì prossimo sarà Ali Erbaş, capo del Consiglio per gli Affari Religiosi turco.

Da venerdì prossimo, infatti, sarà il Diyanet a prendere in carico la gestione del complesso monumentale. Alla cerimonia sono attesi dai mille ai 1.500 partecipanti. Ad assicurarsi personalmente che tutto vada avanti senza intoppi c’è lo stesso presidente turco, che domenica si è recato in visita a sorpresa nella antica basilica. La fruizione del monumento, ha assicurato il suo portavoce sarà garantita a tutti: "credenti e non".

I media turchi fanno sapere che i mosaici e gli affreschi cristiani, come quello di Maria Theotokos e dell’arcangelo Gabriele, saranno oscurati da tende durante la preghiera islamica e scoperti all’occorrenza per essere ammirati dai turisti. Fa già discutere invece l’idea di coprire l’intero pavimento della basilica con tappeti di lana di colore verde scuro. I rivestimenti, prodotti nella provincia occidentale di Manisa, sono decorati con motivi ispirati a quelli in voga il periodo di massimo splendore dell’impero ottomano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

manfredog

Mer, 22/07/2020 - 17:30

...non deve andare, ma siccome è un papallah, ci andrà...poveri noi!! mg.

DIAPASON

Mer, 22/07/2020 - 17:36

l'equivoco non è santa Sofia ad Istanbul, ma la moschea a Milano

rudyger

Mer, 22/07/2020 - 17:39

Allora S.Francesco stava quasi convertendo il Sultano, ora Caro Papa Francesco stai facendoti convertire da Erdogan. Non arrivarono ad abbeverarsi in S. Pietro i cavalli dei cosacchi del Don ma se seguiti così arriverà la spada di Maometto. Lavagli ancora i piedi !

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 22/07/2020 - 17:41

Non mi meraviglierei, se Franceschiello facesse una visita in turchia???

cgf

Mer, 22/07/2020 - 17:49

sarebbe troppo bello che andasse per davvero, con tanto di croce al collo e con le scarpe ai piedi.

sparviero51

Mer, 22/07/2020 - 17:56

PRESTO VEDREMO I CAMMELLI ABBEVERARSI ALLE FONTANE DI PIAZZA SAN PIETRO !!!

killkoms

Mer, 22/07/2020 - 18:13

ci andrebbe?

traianus2

Mer, 22/07/2020 - 18:50

Beh? Di c osa vi meravigliate? Era già nell'ordine delle cose, negli accordi per l'espansione dell'islam, sempre sostenuto da questo tizio argentino vestito di bianco. Vedrete che ci andrà....

leococojane2

Mer, 22/07/2020 - 18:55

Schiaffo di Erdogan ? Porgerà l'altra guancia.

Happy1937

Mer, 22/07/2020 - 19:04

Malgrado tutto non penso proprio che il Papa accetterà un invito tanto sacrilego.

cgf

Mer, 22/07/2020 - 19:06

e se non lo facessero entrare… fu detto: uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dai vostri piedi.

guy

Gio, 23/07/2020 - 10:21

ma come si fa a pregare in un luogo dove sono state ammazzate centinaia di innocenti comprese donne e bambini

guy

Gio, 23/07/2020 - 10:25

ma i musulmani hanno il coraggio di pregare in un luogo bagnato dal sangue di tanti innocenti ammazzati?....mi sembra contro natura.....ma che pregano?....di poter ammazzare tutti tranne i fanatici come loro?

oracolodidelfo

Gio, 23/07/2020 - 13:24

Il Papa potrebbe ricambiare la cortesia invitando Erdogan alla Messa di Natale in San Pietro.......

SPADINO

Gio, 23/07/2020 - 13:48

COME HO GIA' SCRITTO APPENA DOPO LA NOTIZIA DELLA DECISIONE DI ERDOGAN, IL PAPA DOVEVA ANDARE SUBITO NELLA BASILICA, CONVOCANDO MILGIAIA DI SACERDOTI E CRISTIANI PER CELEBRARE LA SANTA MESSA E PRESIDIARE IL LUOGO ALL'INFINITO, FINO AL MARTIRIO SE NECESSARIO. MA COSA VI ASPETTATE DA BERGOGLIO ? ANDRA' ALL'INAUGURAZIONE DELLA BASILICA COME MOSCHEA.

ulio1974

Gio, 23/07/2020 - 14:22

fossi il papa ci andrei e poi non mi smuoverei, se non portato via di peso.

giancristi

Gio, 23/07/2020 - 15:12

Tutto è possibile con Bergoglio. Ma sarebbe veramente TROPPO!

cir

Ven, 23/10/2020 - 16:20

guy : Gio, 23/07/2020 - 10:21 : parli delle crociate ??