Jihadisti nel paradiso tropicale: pugnalati stranieri alle Maldive

L’accoltellamento degli stranieri sarebbe stato ultimamente rivendicato, tramite un video postato sul web, da un gruppo jihadista locale

Jihadisti nel paradiso tropicale: pugnalati stranieri alle Maldive

La polizia delle Maldive ha arrestato tre presunti miliziani jihadisti, indiziati di essere i responsabili del recente accoltellamento di alcuni cittadini stranieri.

Questo lunedì, fa sapere la Bbc, due cinesi, di cui uno lì come turista e l’altro come lavoratore immigrato, e un australiano, anch’egli residente nell’arcipelago per motivi professionali, sono stati infatti pugnalati sull’atollo di Hulhumale, a nord di Male, capitale dello Stato insulare.

Le vittime dell’aggressione, riferisce l’emittente attenendosi ai comunicati delle forze dell’ordine del posto, sarebbero attualmente tutte ricoverate in ospedale e le loro condizioni di salute sarebbero “stabili”.

La tesi della natura islamista dell’accoltellamento degli stranieri, attribuito ai tre sospettati ultimamente incarcerati, sarebbe stata rafforzata, precisa il network britannico, dalla comparsa in questi giorni sul web di un video con cui un gruppo maldiviano affiliato all’Isis si attribuisce la responsabilità del folle gesto.

Gli inquirenti dello Stato-arcipelago, puntualizza l’organo di informazione londinese, non hanno comunque ancora accertato l’autenticità del filmato pubblicato su Internet, limitandosi a diffondere la notizia dell'incarcerazione, effettuata su mandato della magistratura, dei tre presunti attentatori.

Fiancheggiatori del Califfato sono stati attivi nel Paese musulmano, ricorda sempre la Bbc, fino all’anno scorso. Ad esempio, proprio nel 2019, le autorità maldiviane hanno arrestato un trentacinquenne su sollecitazione del governo americano, in quanto era stato classificato da Washington come un reclutatore di aspiranti combattenti dell’Isis diretti in Siria e in Afghanistan.

Quest’uomo, inoltre, era stato indicato dall’amministrazione Trump come l’ideatore di un attacco dinamitardo che, nel 2007 a Male, causò il ferimento di una dozzina di turisti.