"Vi dovete toccare così". Il video choc per i bimbi di prima elementare

La scuola newyorkese in cui sono stati proiettati i video sulla masturbazione è un istituto privato d'élite, con rette salate

"Vi dovete toccare così". Il video choc per i bimbi di prima elementare

È bufera a New York contro la scuola elementare privata d'élite di Manhattan, con rette di 55mila dollari l'anno, Dalton School, accusata di avere impartito ai propri alunni, ossia bambini di 6-7 anni, un'educazione fatta di "video sulla masturbazione". Tali filmati sarebbero stati proiettati in classe lo scorso autunno, ma soltanto di recente alcune mamme di alunni dell'istituto si sono fatte avanti per denunciare alla stampa cittadina i programmi educativi "progressisti" seguiti dal corpo docente della Dalton. Tali mamme stanno denunciando in forma anonima l'accaduto, poiché temono "ritorsioni" da parte dei vertici della scuola, come l'espulsione dei rispettivi figli. In base a quanto ricostruito dai giornali newyorkesi, i corsi di educazione sessuale esplicita nelle scuole cittadine sarebbero finanziati dal miliardario filantropo e attivista Bill Ackman

Secondo le ricostruzioni fatte dai quotidiani locali, ai bambini della prima elementare dell'istituto citato sarebbe stato impartito un corso di "salute e benessere" a cura dell'educatrice Justine Ang Fonte, nota per tenere a New York seminari e convegni sull'"alfabetizzazione pornografica". Ai piccoli alunni della Dalton, tuonano le mamme, la Fonte, nel quadro di tale lezione di stampo progressista, avrebbe quindi fatto vedere dei cartoni animati della serie Amaze, con personaggi che discutono di argomenti sessuali espliciti, come il "pene in erezione" e la "masturbazione". Nel video incriminato, rintracciabile sul web, si sente un bambino fare una domanda choc: “Ehi, come mai a volte il mio pene diventa grande e punta in aria?“. A quel punto, ad intervenire per risolvere il dubbio del bambino è un personaggio adulto, che gli spiega cos’è un’erezione. Allora il piccolo confessa: “A volte mi tocco il pene perché mi fa sentire bene“. Poi tocca a una bambina pronunciare parole comunemente vietate ai minori: "A volte, quando sono nella vasca da bagno o quando la mamma mi mette a letto, mi piace toccarmi la vulva".

Oltre a bombardare i piccoli studenti di termini sessuali, i corsi tenuti finora dalla Fonte presso la Dalton avrebbero anche sensibilizzato i bambini sul tema del "consenso"; l'insegnante avrebbe infatti detto agli alunni di "non farsi toccare" dai genitori o dai nonni senza che prima loro abbiano dato espressamente la propria approvazione. Le lezioni di Fonte per i bambini di prima elementare avrebbero anche incluso argomenti come "il genere assegnato alla nascita, l'identità di genere e l'espressione di genere".

Molte mamme stanno appunto protestando con veemenza contro l'educazione sessuale a cui sono stati sottoposti i bambini della scuola newyorkese, con una di queste che si è sfogata sulle colonne dei quotidiani cittadini affermando: "Sto pagando 50.000 a questi farabutti per dire a mio figlio di non lasciare che suo nonno l’abbracci quando lo vede?". Un’altra mamma infuriata ha aggiunto che sempre più genitori di alunni della Dalton sono “imbestialiti” e “inorriditi" per il fatto che filmati sulla masturbazione sono stati mostrati a bambini di prima elementare e di 6-7 anni di età senza che i familiari di questi ultimi ne fossero informati e senza chiedere il permesso agli stessi genitori. Un'altra mamma ha rincarato la dose: "I bambini hanno non meno di cinque lezioni sull'identità di genere; questo è puro indottrinamento. Questa Fonte non dovrebbe assolutamente insegnare ai bambini. Ironia della sorte, insegna ai bambini il 'consenso', ma non ha mai ottenuto il consenso dai genitori sul materiale sessualmente esplicito e inappropriato da lei mostrato a dei bambini di prima elementare".

I vertici della Dalton hanno reagito all'infuriare delle polemiche dichiarando che i genitori attualmente intenti a protestare sarebbero una "minoranza di soggetti confusi" e che gli stessi avrebbero "interpretato male" i temi oggetto delle lezioni della Fonte; per la scuola, inoltre, i cartoni animati incriminati erano "appropriati per bimbi dai quattro anni in su". La stessa Fonte ci ha tenuto a rassicurare le mamme che lei non usa mai la parola "masturbazione" in una classe di minori e che le sue lezioni insegnano ai ragazzi semplicemente a "non toccarsi in pubblico". La reazione della Dalton ha però fatto ancora più infuriare le mamme, che non ci stanno affatto a passare per "persone confuse", e le stesse hanno così denunciato il fatto che ormai, in tutti gli Stati Uniti, molte scuole hanno perso di vista lo scopo dell'istruzione e nascondono programmi e materiali didattici ai genitori.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti